CISL SU DIVARIO NORD SUD

image_pdfimage_print

cislPer l’economia e l’industria italiana non bastano più bonus e incentivi ma intervenire con urgenza per ridurre strutturalmente la tassazione sul lavoro e sulle retribuzioni e ridurre il divario economico e sociale tra il Sud e il resto del Paese per dare slancio alla ripresa dell’economia meridionale. E’ il segretario confederale Cisl, Giuseppe Farina, dal palco del convegno ‘occupiamoci di industria’ ad indicare al governo la strada da percorrere. “C’è bisogno di più politica industriale in Europa ma anche di politiche industriali in Italia”, dice ancora pur non sottovalutando “i provvedimenti presi dal Governo a sostegno degli investimenti e dell’occupazione e i primi positivi risultati che hanno prodotto”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CONAPO: DOMANI SIT IN NAZIONALE

“I vigili del fuoco non sono un corpo di serie B. Per questo domani, mercoledì 18 maggio, dalle ore 11 alle ore 12, sit-in dei vigili del fuoco davanti alla

ACCORDO SOLIDARIETA’

Firmato un accordo di solidarietà intergenerazionale e occupabilità tra Enel e sindacati, che prevede l’accompagnamento alla pensione anticipata per circa 6 mila lavoratori nell’arco dei prossimi cinque anni e il

CAVALLARO (CISAL) SU APE

“Le condizioni proposte dal governo per accedere alla pensione anticipata sono a dir poco inaccettabili. Disquisire sull’entità della penalizzazione o sull’ampiezza del bacino di applicabilità dell’Ape è un esercizio sterile

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento