CISL SU DIVARIO NORD SUD

image_pdfimage_print

cislPer l’economia e l’industria italiana non bastano più bonus e incentivi ma intervenire con urgenza per ridurre strutturalmente la tassazione sul lavoro e sulle retribuzioni e ridurre il divario economico e sociale tra il Sud e il resto del Paese per dare slancio alla ripresa dell’economia meridionale. E’ il segretario confederale Cisl, Giuseppe Farina, dal palco del convegno ‘occupiamoci di industria’ ad indicare al governo la strada da percorrere. “C’è bisogno di più politica industriale in Europa ma anche di politiche industriali in Italia”, dice ancora pur non sottovalutando “i provvedimenti presi dal Governo a sostegno degli investimenti e dell’occupazione e i primi positivi risultati che hanno prodotto”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

STAFFETTA GENERAZIONALE

Il ministro Poletti ha ragione, quando propone una forma di staffetta generazionale, rendendo più flessibile l’accesso alla pensione.  La Camera dei Deputati si è già pronunciata due volte sulla materia

INPS: DATI AMMORTIZZATORI IN DEROGA

Nel quadriennio 2009-2012 la spesa relativa agli ammortizzatori in deroga, sia per le crisi regionali che per le crisi pluri-regionali, ammonta complessivamente a circa 7,4 miliardi di euro (dei quali

ISTAT DATI SU TASSE IMPRESE

Gli ultimi provvedimenti fiscali portano a un taglio dell’11% delle imposte societarie, Ires e Irap, per 3,5 miliardi nel 2016. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Istat che considera l’effetto della

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento