BANKITALIA: SU PIL 2016 E BREXIT

image_pdfimage_print

bankitaliaLa Brexit può avere “un effetto non trascurabile ma limitato sul pil” italiano e le conseguenze “sono ancora ipotetiche”. E’ quanto afferma la Banca d’Italia nel bollettino economico secondo cui se nei prossimi mesi ci sarà una caduta delle attività in Gb e una trasmissione al nostro paese attraverso l’interscambio, la crescita del nostro Pil “potrebbe collocarsi poco sotto l’1 per cento quest’anno e attorno all’1 il prossimo”. Questo anche considerando le informazioni sul secondo trimestre che parlano di un aumento inferiore a quello dei tre mesi precedenti.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

AGENZIA UNICA ISPEZIONI

L’Ispettorato unico del lavoro riunirà l’attività ispettiva di Inps, Inail e ministero del Lavoro. “L’efficienza del sistema sarà aumentata ma non ci saranno nuove competenze – chiarisce il ministro del

BATTAGLIA (CONFSAL UNSA): "NO A CONTINUE RIFORME SU PENSIONI"

“Le continue riforme, sempre peggiorative, del sistema pensionistico italiano, continuano a creare forti tensioni e grande disagio in tutti i lavoratori, costretti dalla classe politica a continuare a lavorare ben

ISTAT: DATI PIL

Nel primo trimestre del 2016 il Pil italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dell’1,0% nei confronti del primo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento