Come vanno trattare da un punto di vista contributivo le somme corrisposte a titolo di arretrati ?

image_pdfimage_print

La circolare del Ministero del Lavoro n. 39/1987 ha affermato che per stabilire se una somma corrisposta a titolo di arretrato vada supportata a livello contributivo, occorre individuare se la stessa ha una natura retributiva. Ciò significa che gli arretrati, le somme a titolo di errori ed omissioni sono senz’altro imponibili da un punto di vista contributivo, mentre per quelle derivanti da sentenze o vertenze occorre valutare le singole voci, atteso che gli emolumenti possono essere assoggettabili o meno, o anche comprendere voci come interessi e rivalutazione monetaria: queste ultime (circ. INPS n. 263/1997) hanno natura risarcitoria e sono escluse dal reddito imponibile pur se derivino da un adempimento spontaneo. L’indennità onnicomprensiva derivante dalla conversione del rapporto da tempo determinato a tempo indeterminato è di natura risarcitoria e, quindi, esclusa (circ. INPS n. 40/2011).

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 495 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ho una attività che presenta brevi periodi di lavoro, non prevedibili, di picco. Ho, per quest’attività, una lavoratrice part-time. Come posso chiederle, in questi periodi, un aumento di ore di lavoro?

Le modalità sono 2 e prevedono sempre la condivisione della lavoratrice: Lavoro supplementare, con le maggiorazioni previste dal CCNL applicato; Applicazione nell’accordo di part-time della clausola elastiche (art. 6 DLvo

Quali sono le modalità di calcolo del tempo massimo di lavoro giornaliero?

La modalità di calcolo è stabilita dal contratto collettivo di riferimento dell’azienda (art. 4, comma 1, Dlvo 66/2003), per cui vi possono essere differenze tra aziende di settori diversi. Sicuramente,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento