Cassetto Previdenziale Liberi Professionisti – manuale utente [Inps]

image_pdfimage_print

inpsL’Inps, con la messaggio n. 2885 del 30 giugno 2016, illustra le novità del Cassetto Previdenziale per i Liberi Professionisti.
La versione originaria del Cassetto – a cui l’utente Libero Professionista accede direttamente o tramite un intermediario delegato, mediante il sito dell’Istituto www.inps.it > “Servizi on line”, inserendo il PIN dispositivo – è implementata a decorrere dal 30 giugno 2016 con la funzionalità della “Bidirezionalità”,  inserita all’interno del menù “Comunicazione Bidirezionale”.

Scelta la sezione, si apre un sottomenù che comprende:

  1. Nuova comunicazione;
  2. Lista comunicazioni inviate;
  3. Lista comunicazioni ricevute;
  4. Contatti.

All’apertura del Cassetto, in caso di presenza di comunicazioni non lette, il professionista visualizza un’icona di avvertimento in alto a sinistra. Selezionato il link, accede alla sezione “Comunicazione Bidirezionale”.

Nuova comunicazione: consente l’invio di una nuova comunicazione. Al fine di individuare e indirizzare le comunicazioni agli uffici competenti sono state individuate le tipologie di argomento delle richieste stesse, strettamente collegate alle funzionalità previste per il Cassetto Previdenziale dei Liberi Professionisti (Anagrafica, Deleghe, Domande telematiche, Istanze di rateizzazione, Normativa, Posizione assicurativa, Rendicontazione GS, Ricorsi, Riduzione sanzioni civili, Rimborso, Ruoli e Versamenti).

In fase di composizione di una nuova comunicazione, è possibile allegare la documentazione nei vari formati fino ad un massimo di cinque file con grandezza non superiore a 1Mb ciascuno.
Inoltre, è possibile indicare un’email aggiuntiva rispetto a quella presente nei contatti, cui inviare eventuali notifiche.
Dopo aver premuto il tasto “invia”, la richiesta viene inserita e può essere visualizzata all’interno del link “Lista comunicazioni inviate”.

Lista comunicazioni inviate”: elenca le comunicazioni già inviate all’Istituto. L’elenco può essere filtrato per “Stato” e “Tipo di comunicazione”.

Attraverso la funzione “Dettaglio”  è possibile leggere in sequenza i messaggi inviati ed, eventualmente, accodarne uno aggiuntivo.

“Lista comunicazioni ricevute”: elenca le comunicazioni ricevute dall’Istituto con le stesse modalità della funzionalità precedente.

Contatti”: la funzione permette l’inserimento e la modifica dei dati di contatto utilizzati per la Comunicazione Bidirezionale. Si ricorda che per il primo accesso i dati inseriti sono coincidenti con quanto presente negli archivi della Gestione Separata. I dati eventualmente modificati saranno attivi per le comunicazioni successive a quella in cui sono stati variati.

I dati richiesti e modificabili  sono: telefono, cellulare, fax, email e pec.

Il campo pec è obbligatorio, pertanto, in assenza non è possibile l’invio della comunicazione.

Infine, si può scegliere la modalità di notifica desiderata tra Email, Pec ed Sms.

Posto che la realizzazione di nuove funzionalità del Cassetto Previdenziale per i Liberi Professionisti risponde, tra l’altro, all’obiettivo di una gestione più efficace ed efficiente dei rapporti tra il professionista o il suo intermediario/delegato e l’Istituto, l’Inps sottolinea l’importanza dell’uso del PIN dispositivo per l’accesso ai servizi telematici dallo stesso offerti.

Infine, precisa che tale canale deve essere utilizzato anche per la comunicazione dei propri contatti di riferimento (numero di cellulare, e-mail e soprattutto PEC) e che le istanze, concernenti la Gestione Separata, devono essere inviate solo ed esclusivamente tramite il Cassetto stesso.

Scarica manuale

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Via libera della Camera al disegno di legge di conversione del decreto Milleproroghe : cosa cambia

Via libera della Camera dei Deputati al disegno di legge di conversione del decreto Milleproroghe, nel testo delle Commissioni. Tra le principali novità la rideterminazione dell’aliquota contributiva per i lavoratori

Contratti di solidarietà difensiva di tipo “A”: rifinanziato il Fondo ( D.L. 34/2014 )

Un aiuto al mantenimento dei livelli occupazionali senza dubbio arriva dall’art.5 del D.L. 34/2014  . Il Governo stanzia 15 milioni di euro per rifinanziare le agevolazioni contributive disposte dal D.L.

Permesso di soggiorno per motivi religiosi, nessuna conversione a subordinato

Il Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno, ha emanato la circolare n. 4621 del 27 agosto 2015, con la quale, facendo seguito al parere espresso dal Consiglio di Stato n. 1048/2015, ha ribadito

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento