Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?

Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?
image_pdfimage_print

È possibile detassare i premi di risultato o gli utili corrisposti ai lavoratori, nel limite dei 2.000 euro lordi e sempreché non abbiano superato, nel 2015, il reddito di 50.000 euro (da lavoro dipendente). Inoltre, verificare i parametri e gli indicatori previsti nell’accordo che dovrà essere depositato entro il 15 luglio 2016 (qualora sia stato sottoscritto prima del 16 maggio 2016). Per quanto riguarda la conversione a welfare, non è possibile in quanto non previsto nell’accordo aziendale. Nulla vieta che sia stipulato un ulteriore accordo tra le parti che stabilisca le modalità di conversione ed i welfare di riferimento. Fino a quel momento, i premi di risultato erogati non potranno essere convertiti in welfare.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È possibile licenziare un lavoratore che ha raggiunto l’ età pensionabile, prima del compimento dei 70 anni?

Sì, il licenziamento c.d. “ad nutum” è possibile, in quanto la Corte di Cassazione con sentenza n. 17589/2015, ha affermato che non sussiste un diritto del lavoratore alla prosecuzione del rapporto

Qual è la durata dei tirocini curriculari?

I tirocini curriculari sono al di fuori delle disposizioni previste dall’Accordo Stato-Regioni del 2013. In particolare, i tirocini svolti durante il percorso formativo sono disciplinati dai regolamenti dell’Ateneo o dell’Ente

Visto che con il DL sul Jobs Act è stata tolta l’obbligatorietà della motivazione nei contratti a tempo determinato, posso prevedere un contratto individuale ai sensi dell’art. 1 del D.L.vo 368/2001?

Sì, la cosa è possibile. Comunque, Le consiglio, per questioni di opportunità, di specificare sempre la motivazione qualora l’assunzione a termine sia dovuta per motivi sostitutivi, in quanto esenti dalla

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento