Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?

Dopo la pubblicazione della circolare 28/2016 possiamo procedere alla detassazione dei premi di risultato? Possiamo convertire il pdr in welfare aziendale anche se non previsto nel contratto aziendale?
image_pdfimage_print

È possibile detassare i premi di risultato o gli utili corrisposti ai lavoratori, nel limite dei 2.000 euro lordi e sempreché non abbiano superato, nel 2015, il reddito di 50.000 euro (da lavoro dipendente). Inoltre, verificare i parametri e gli indicatori previsti nell’accordo che dovrà essere depositato entro il 15 luglio 2016 (qualora sia stato sottoscritto prima del 16 maggio 2016). Per quanto riguarda la conversione a welfare, non è possibile in quanto non previsto nell’accordo aziendale. Nulla vieta che sia stipulato un ulteriore accordo tra le parti che stabilisca le modalità di conversione ed i welfare di riferimento. Fino a quel momento, i premi di risultato erogati non potranno essere convertiti in welfare.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 450 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

In caso di distacco, chi gestisce i lavoratori distaccati? Il datore di lavoro o l’azienda utilizzatrice?

Nel distacco, il potere direttivo passa all’azienda distaccataria/utilizzatrice. Il 2° comma dell’art. 30 del DLvo 276/2003 stabilisce che “In caso di distacco il datore di lavoro rimane responsabile del trattamento

Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?

  A norma dell’articolo 6, del Decreto 9 luglio 2008 del Ministero del Lavoro, l’obbligo di conservazione del libro unico del lavoro è di 5 anni dalla data di ultima

Ho un contratto di apprendistato che scade durante la cassa straordinaria. Sono possibili nuove assunzioni durante la CIGS?

  Nel caso prospettato, non si tratta di una nuova assunzione o di una trasformazione del rapporto di lavoro. Il rapporto di apprendistato nasce a tempo indeterminato e subisce, durante

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento