SINDACATI: RINNOVATO CONTRATTO FIORI RECISI

image_pdfimage_print

CCNL“Il 22 giugno è stato firmato unitariamente con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, il rinnovo del contratto nazionale di lavoro dei fiori recisi, scaduto il 31 dicembre 2015”. Ne dà notizia, in una nota, la Flai Cgil. “Il rinnovo -spiega Davide Fiatti, della Flai Cgil nazionale- è per il triennio 2016-2018. Siamo molto soddisfatti per essere riusciti a salvaguardare il potere di acquisto dei lavoratori e ad ottenere alcuni miglioramenti normativi come l’obbligo del datore di lavoro ad avere un preventivo confronto con i sindacati in caso di riorganizzazione aziendale, anche per gli eventuali demansionamenti; l’aumento da 150 a 180 giorni del periodo di aspettativa per i lavoratori affetti da patologie oncologiche; l’aspettativa non retribuita dura fino al termine del periodo indennizzato dall’Inail in caso di infortunio sul lavoro”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

COSTO DEL LAVORO IN EUROZONA IN RIALZO

Cresce dell’1,3% il costo del lavoro nell’Eurozona nel quarto trimestre del 2015. Lo indicano i dati diffusi da Eurostat. Nel terzo trimestre il costo del lavoro era cresciuto dell’1,1%, mentre

GIORNATA MONDIALE CONTRO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE

Domenica 12 giugno si celebra la Giornata mondiale contro il lavoro minorile. L’iniziativa è stata lanciata nel 2002 dall’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), al fine di tenere alta l’attenzione dell’opinione

GIOVANI SUL LAVORO

Il lavoro per i giovani è finalizzato principalmente al sostentamento economico. Lo sostiene una ricerca dell’Isfol secondo la quale i giovani guardano alla retribuzione più che alla coerenza con il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento