LODETTI (INAS) SU BREXIT

image_pdfimage_print

inas-cislCon l’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea “non ci saranno problemi per le pensioni degli italiani che lavorano in quel Paese, perché il criterio della totalizzazione dei contributi è ormai consolidato a livello internazionale”. Lo spiega a Labitalia Gianluca Lodetti, responsabile del dipartimento Esteri del patronato Inas Cisl, che assiste i lavoratori italiani anche all’estero su questioni legate a previdenza e welfare. “Quel che invece è legittimo aspettarsi, anche indipendentemente dai risultati del referendum sulla Brexit, è una stretta su aspetti di welfare come gli assegni familiari o l’indennità di disoccupazione”, aggiunge Lodetti.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

POLETTI OCCUPAZIONE

“Stiamo andando nella direzione giusta: ora dobbiamo accelerare». Ne è convinto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, secondo il quale i numeri di oggi dell’Istat confermano l’avvio della ripresa economica

RENZI VISITA STABILIMENTO COCA-COLA DI MARCIANISE

Il premier, Matteo Renzi, ha visitato nei giorni scorsi il più grande stabilimento del Sud Italia di Coca-Cola Hbc Italia – il principale imbottigliatore dei prodotti a marchio The Coca-Cola

Pensione prima dei 67 anni: possibile slittamento al 2019

Il presidente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, Cesare Damiano, torna a parlare della possibilità di innalzamento dell’età pensionabile, che potrebbe slittare da 66 anni e 7 mesi direttamente a 67

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento