INAIL : circolare 28/2014 – applicazione agevolazioni contributive anche al premio Inail

image_pdfimage_print

L’Inail, con la circolare n. 28 del 23 maggio 2014, detta la disciplina delle modalità con cui gli incentivi per l’assunzione di lavoratori ultracinquantenni, donne lavoratrici, disabili e lavoratori disoccupati o in Cigs da almeno 24 mesi, si applicano al premio assicurativo e al contributo pagato in agricoltura per i fini dell’assicurazione obbligatoria. In pratica, l”Istituto, tenuto conto che le disposizioni della Riforma del mercato del lavoro (Legge n. 92/2012) – che hanno introdotto agevolazioni contributive – non recano alcun espresso riferimento all’applicabilità dell’incentivo anche al premio Inail, ha acquisito dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali un parere favorevole (sottoposto anche al Ministero dell’economia e delle finanze), nel senso di ritenere applicabili anche al premio Inail le agevolazioni richiamate.

pdf-icon Allegato:  la circolare n. 28 del 23 maggio 2014

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 265 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ministero del Lavoro: anzianità di effettivo lavoro presso l’unità produttiva a fini CIG

La Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, rispondendo ad un quesito dell’Ance e dell’Alleanza delle Cooperative italiane Produzione e Lavoro,

lavoratori in mobilità e ricollocazione in azienda con asset aziendali coincidenti [cassazione]

Con sentenza n. 13583 del 2 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha confermato il mancato riconoscimento dei benefici contributivi in favore dell’impresa che assume lavoratori collocati in mobilità (articolo

Impugnazione del licenziamento – 60 gg anche per il dirigente [cassazione]

Con sentenza n. 22627 del 5 novembre 2015 la Corte di Cassazione ha affermato che il termine per impugnare un licenziamento è di 60 giorni anche nel caso si tratti

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento