INAIL : circolare 28/2014 – applicazione agevolazioni contributive anche al premio Inail

image_pdfimage_print

L’Inail, con la circolare n. 28 del 23 maggio 2014, detta la disciplina delle modalità con cui gli incentivi per l’assunzione di lavoratori ultracinquantenni, donne lavoratrici, disabili e lavoratori disoccupati o in Cigs da almeno 24 mesi, si applicano al premio assicurativo e al contributo pagato in agricoltura per i fini dell’assicurazione obbligatoria. In pratica, l”Istituto, tenuto conto che le disposizioni della Riforma del mercato del lavoro (Legge n. 92/2012) – che hanno introdotto agevolazioni contributive – non recano alcun espresso riferimento all’applicabilità dell’incentivo anche al premio Inail, ha acquisito dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali un parere favorevole (sottoposto anche al Ministero dell’economia e delle finanze), nel senso di ritenere applicabili anche al premio Inail le agevolazioni richiamate.

pdf-icon Allegato:  la circolare n. 28 del 23 maggio 2014

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 300 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento disciplinare per: aver timbrato il badge altrui / minacce al datore di lavoro / utilizzo distorto di permessi [Cassazione]

* Licenziamento disciplinare per aver timbrato il badge altrui Con sentenza n. 5777 del 23 marzo 2016, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa,

Licenziamento disabile e mancanza del repechage [cassazione]

Con sentenza n. 4757 del 10 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha dichiarato l’illegittimità di un licenziamento comminato ad un lavoratore che dopo essere divenuto disabile, non sia stato adibito a mansioni

Licenziamento per assenza ingiustificata [Corte di Cassazione – Sent. n. 25380 del 1 Dicembre 2014]

Con la sentenza n. 25380 del 1° dicembre 2014,la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, nei confronti di un lavoratore che non comunica tempestivamente le motivazioni del mancato rientro in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento