FDV CGIL SU RETRIBUZIONI MIGRANTI

image_pdfimage_print

cgilOccupati prevalentemente nei settori a basso valore aggiunto (servizi alla persona, agricoltura, costruzioni, alberghi e ristoranti), dove la concorrenza con l’offerta di lavoro della componente italiana risulta marginale, con basse qualifiche e una retribuzione media netta inferiore di circa 360 euro al mese. E’ questa la fotografia del lavoratore immigrato che emerge dallo studio ‘Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia’, realizzato dalla Fondazione Di Vittorio della Cgil, nell’ambito delle attività dell’Osservatorio sulle migrazioni, che ha analizzato le condizioni dei lavoratori stranieri occupati in Italia nel quinquennio 2011-2015.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Lavoro intermittente: illegittimo se vietato dal CCNL

La Direzione Generale per l’Attività Ispettiva, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fornito, con la nota n. 18194 del 4 ottobre 2016, alcuni chiarimenti in merito all’utilizzo

BANDO UE PER 110 AUTISTI

L’Unione Europea seleziona candidati idonei a essere assunti in qualità di agente contrattuale, gruppo di funzioni I (GF I), Autisti (U/D), il numero di posti disponibili è di circa 110. La

COSTO ESODATI, 11 MILIARDI

L’annosa vicenda degli esodati è nata con la riforma delle pensioni targata Elsa Fornero, ex ministro del Lavoro durante il governo guidato da Mario Monti. Tra il 2014 e i

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento