FDV CGIL SU RETRIBUZIONI MIGRANTI

image_pdfimage_print

cgilOccupati prevalentemente nei settori a basso valore aggiunto (servizi alla persona, agricoltura, costruzioni, alberghi e ristoranti), dove la concorrenza con l’offerta di lavoro della componente italiana risulta marginale, con basse qualifiche e una retribuzione media netta inferiore di circa 360 euro al mese. E’ questa la fotografia del lavoratore immigrato che emerge dallo studio ‘Le conseguenze della crisi sul lavoro degli immigrati in Italia’, realizzato dalla Fondazione Di Vittorio della Cgil, nell’ambito delle attività dell’Osservatorio sulle migrazioni, che ha analizzato le condizioni dei lavoratori stranieri occupati in Italia nel quinquennio 2011-2015.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

DISOCCUPAZIONE SUD

L’Istat, al 1° settembre, registra che, dopo 14 trimestri di crescita e il calo nel primo periodo dell’anno, un tasso di disoccupazione nel secondo trimestre pari al 12,1% (-0,1% su

CAMUSSO SU LAVORO

“In un Paese diseguale come sempre, bisogna scegliere il punto di osservazione: se guardiamo ai lavoratori, ai pensionati, ai tanti giovani che continuano a non avere lavoro e prospettive, indubbiamente

CONFCOMMERCIO SU POVERTÀ

A luglio l’indice di disagio sociale scende a 18,8 (-0,1); la disoccupazione estesa scende al 14,9%, mentre i prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto diminuiscono dello 0,1%.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento