Cassazione su: limite dei 36 mesi nei contratti a tempo determinato / mancato versamento contributivo in mancanza di chiarimenti, no evasione

image_pdfimage_print

* limite dei 36 mesi nei contratti a tempo determinato

Con sentenza n. 11374 del 1° giugno 2016, le Sezioni Unite della Corte di cassazioneCassazione, definendo la corretta interpretazione dell’art. 2 bis del decreto legislativo n. 368/2001 (la disposizione riguardava le assunzioni stagionali nelle Poste e la norma, particolare, sarà abrogata il 1 gennaio del 2017, per effetto dell’art. 55, comma 2, del decreto legislativo n. 81/2015), hanno stabilito che il limite massimo di 36 mesi, calcolati come sommatoria di più contratti e nel rispetto degli intervalli previsti dalla norma, è conforme al diritto comunitario in quanto “stoppa” ogni possibile ricorso ad un abuso nella successione di rapporti a tempo determinato.

* mancato versamento contributivo in mancanza di chiarimenti, no evasione

Con sentenza n. 11626 del 7 giugno 2016, la Corte di Cassazione ha affermato che non si configura l’evasione contributiva, ma la sola omissione contributiva, il mancato versamento, da parte dell’azienda, dei contributi per l’incertezza dei dati da comunicare.
I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come la sussistenza di interpretazioni discordanti su determinati adempimenti contributivi a carico dei datori di lavoro, deve portare l’ente previdenziale a non ritenere sussistente l’evasione contributiva ma il più lieve reato di omissione contributiva, in quanto la possibilità di interpretare la norma in modi diversi può escludere, di fatto, il fine fraudolento, salvo prova contraria, della condotta del datore di lavoro.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Assegni familiari ai lavoratori stranieri [Corte Europea di Giustizia]

La Corte Europea di Giustizia, con la sentenza del 21 giugno 2017 (causa C-449/2016) ha affermato che, sulla base del principio di parità di trattamento sancito dalla Direttiva 2011/98, recepita

Consulta: rito Fornero per i licenziamenti – inammissibilità del ricorso

La Corte Costituzionale, con ordinanza n. 205 del 16 luglio 2014, ha dichiarato la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale sollevata dal Tribunale di Siena relativamente all’art. 1, comma 51,

Licenziamento disciplinare per: aver timbrato il badge altrui / minacce al datore di lavoro / utilizzo distorto di permessi [Cassazione]

* Licenziamento disciplinare per aver timbrato il badge altrui Con sentenza n. 5777 del 23 marzo 2016, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento