Quali sono gli adempimenti per applicare la detassazione?

Quali sono gli adempimenti per applicare la detassazione?

L’agevolazione (detassazione) è possibile esclusivamente qualora, nel contratto aziendale, siano presenti i requisiti previsti dal DM 25 marzo 2016 (allegato). In particolare, il DM prevede l’applicazione della tassazione agevolata esclusivamente in caso di incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione.
L’incremento va rapportato, dice la norma, ad un periodo di riferimento che l’azienda dovrà evidenziare (anno, biennio, ecc.) nell’accordo aziendale.
Inoltre, gli incrementi dovranno essere oggettivamente verificabili attraverso un richiamo ad uno o più dei seguenti parametri:

  1. Il volume della produzione/numero dipendenti,
  2. Il fatturato o VA di bilancio/numero dipendenti,
  3. MOL/VA di bilancio
  4. Gli indici di soddisfazione del cliente,
  5. La diminuzione del numero di riparazioni e/o rilavorazioni,
  6. La riduzione degli scarti di lavorazione,
  7. La percentuale di rispetto dei tempi di consegna,
  8. Il rispetto di previsioni di avanzamento lavorati,
  9. Le modifiche dell’organizzazione del lavoro,
  10. Il lavoro agile (c.d. smart working in attesa di prossima regolamentazione legislativa),
  11. Le modifiche ai regimi di orario,
  12. Il rapporto costi effetti/costi previsti,
  13. La riduzione dell’assenteismo,
  14. Il numero di brevetti depositati,
  15. La riduzione dei tempi di sviluppo dei nuovi prodotti,
  16. La riduzione dei consumi energetici,
  17. La riduzione del numero di infortuni,
  18. La riduzione dei tempi di attraversamento interni delle lavorazioni,
  19. La riduzione dei tempi di commessa.

Si ricorda che qualora l’accordo aziendale, rispettoso delle indicazioni di legge, sia stato stipulato prima del 14 maggio 2016 deve essere depositato, alla DTL competente per il tramite del sito www.cliclavoro.gov.it, entro il 15 giugno 2016, pena la non detassabilità dei premi di risultato.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 534 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cambierà qualcosa con la Naspi ?

La Nuova Aspi ( Naspi )è prevista da un decreto applicativo del c.d. Jobs Act (Legge n. 183/2014), di prossima pubblicazione in gazzetta ufficiale. Dovrebbe essere operativo dal mese di maggio

L’incentivo donne e l’incentivo Over 50 rientrano nella regola del de minimis?

Secondo quanto indicato dall’ANPAL (v. Guida agli incentivi del 1° luglio 2017), sia l’incentivo previsto per le donne che quello per gli Over 50 non soggiace alla regola del “de

Un premio di risultato che per l’anno 2019 non ha diritto alla detassazione prevede comunque il welfare sul premio erogato?

Abbiamo un premio di risultato che per l’anno 2019 non ha diritto alla detassazione, in quanto gli obiettivi non sono incrementali rispetto allo scorso anno. Possiamo comunque prevedere il welfare

2 Commenti

  1. Gianluca 71
    Aprile 14, 07:59 Reply

    Buongiorno la mia ditta ha applicato la tassazione massima sul mio premio di produzione, quindi ho visto ben poco. Dicendo che nel conguaglio a fine anno mi restituirà il dovuto.. Cioè tassazione al 10%. È normale o lo deve fare subito?

    • Roberto
      Aprile 16, 13:13 Reply

      La tassazione agevolata potrà essere erogata soltanto al momento in cui è verificabile l’incremento degli obiettivi prescritti nell’accordo aziendale di riferimento del premio di risultato. Normalmente l’acconto non prevede una detassabilità, proprio per il fatto che l’azienda non ha ancora conoscenza di questo incremento.

Lascia un commento