Periodo di comporto e aspettativa non retribuita [Cassazione]

image_pdfimage_print

Con sentenza n. 6697/2016, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per superamento del periodo di comporto anche se avvenuta successivamente alla richiesta, e ottenimento, da parte del lavoratore, di un periodo di aspettativa non retribuita.

I giudici della Suprema Corte hanno ritenuto che la concessione del periodo di aspettativa non retribuita, da parte del datore di lavoro, anche se avvenuta dopo la conclusione del periodo di comporto, non implica una tacita prosecuzione del rapporto di lavoro ed una rinuncia al recesso per il suo superamento, ma solo un trattamento di miglior favore accordato.

La stessa Corte di Cassazione, in una recente sentenza (12233/13) ha evidenziato come debbano essere “dilatati” i limiti temporali per poter procedere al licenziamento per superamento del comporto sino a ricomprendere la durata dell’eventuale aspettativa richiesta dal lavoratore.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INAIL : circolare 28/2014 – applicazione agevolazioni contributive anche al premio Inail

L’Inail, con la circolare n. 28 del 23 maggio 2014, detta la disciplina delle modalità con cui gli incentivi per l’assunzione di lavoratori ultracinquantenni, donne lavoratrici, disabili e lavoratori disoccupati

Cassazione: nullità per regolamento di cooperativa

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 18422, depositata il 20 settembre 2016, ha affermato la nullità del regolamento di una cooperativa che contenga al suo interno disposizioni derogatorie

Orario e fisso mensile, parametri per la subordinazione [ cassazione]

Con la sentenza n. 618 del 15 gennaio 2015, la Corte di Cassazione ha confermato che il rispetto dell’orario e il compenso fisso mensile sono parametri fondamentali al fine del riconoscimento della natura subordinata del rapporto; ciò indipendentemente dalla

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento