ISFOL, UNO SU TRE TROVA LAVORO GRAZIE A PARENTI E AMICI

isfolParenti e amici sono ancora il principale canale per trovare un lavoro in Italia. Un terzo degli occupati dichiara di aver ottenuto il proprio impiego grazie all’intervento diretto delle reti informali di familiari e conoscenti. Considerando la più ampia dimensione degli aiuti indiretti durante la fase di ricerca del lavoro, tali reti vengono coinvolte nel 60% dei casi. Emerge dai dati Isfol-Plus 2014 resi noti in un research paper appena pubblicato, di cui una prima anticipazione sul confronto delle perfomance tra gli operatori pubblici e privati è stata fornita alla stampa la scorsa settimana, nel quadro di una serie di uscite programmate dall’Istituto in tema di servizi per l’impiego.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

RETRIBUZIONI FERME

Ad agosto le retribuzioni contrattuali orarie sono rimaste invariate rispetto al mese precedente. Sono aumentate, invece, dell’1,2% nei confronti di agosto 2014. Lo rileva l’Istat, secondo la quale l’incremento tendenziale

ISTAT: DATI DEFLAZIONE

Anche ad agosto i prezzi sono in deflazione con un calo dello 0,1%. Secondo le stime preliminari dell’Istat, l’indice dei prezzi al consumo registra un aumento dello 0,2% su base

SLC CGIL: "'PROFESSIONE MUSICISTA' A RISCHIO IN ITALIA"

“Lavorare nella musica in Italia vuol dire lavorare senza diritti tutele, ad esclusione delle orchestre sinfoniche e delle Fondazioni sinfoniche. E adesso con l’introduzione dei voucher è a rischio proprio

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento