SACCHI (ISFOL), IN PUBBLICO UTENZA PIÙ NUMEROSA E DEBOLE CHE IN APL

image_pdfimage_print

isfol“Nonostante un’utenza più numerosa e più difficile, i centri per l’impiego hanno performance non così distanti da quelle delle agenzie per il lavoro”. E’ il commento di Stefano Sacchi, commissario straordinario dell’Isfol, ai dati anticipati oggi dall’Istituto con la nota informativa ‘Pubblico e privato nei servizi per il lavoro’. “Per valutare l’effettivo ruolo svolto dall’operatore pubblico – ha aggiunto Sacchi – occorre considerare che sono soprattutto i centri per l’impiego ad occuparsi delle fasce deboli del mercato del lavoro, vale a dire i disoccupati di lunga durata, chi ha scarse competenze o un titolo di studio basso, poca o nessuna esperienza lavorativa, chi vive in contesti ambientali dove spesso mancano reali opportunità di collocamento, come nelle Regioni del Mezzogiorno”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento