PROVINCE: REPORT FP CGIL

image_pdfimage_print

cgilQuasi un mese di stipendio in meno, per la precisione un taglio di 1.350 euro, che coinvolge circa 17 mila dipendenti di quelle province e città metropolitane che nel corso del 2015 si sono rese ‘colpevoli’ di aver sforato il patto di stabilità. È quanto risulta da un’indagine condotta dalla Fp Cgil nazionale, incrociando i dati sugli enti che lo scorso anno hanno disatteso il patto di stabilità, con i dati del Conto annuale dello Stato, registrando così i riflessi possibili che si produrranno sulle buste paga dei dipendenti coinvolti.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BATTAGLIA (CONFSAL UNSA): "NO A CONTINUE RIFORME SU PENSIONI"

“Le continue riforme, sempre peggiorative, del sistema pensionistico italiano, continuano a creare forti tensioni e grande disagio in tutti i lavoratori, costretti dalla classe politica a continuare a lavorare ben

EDILIZIA: +34 MILA OCCUPATI

Dopo 54 mesi di crisi ininterrotta il settore delle costruzioni registra un’inversione di tendenza: è tornato il segno positivo per l’occupazione che, al secondo trimestre 2015, fa rilevare un aumento

L’IMPRESA CREA LAVORO

 “L’Italia deve restare un grande Paese manifatturiero”: parola del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. Secondo l’esponente governativo, bisogna continuare a investire nella manifattura, magari innovandola, ma senza abbandonarla, in quanto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento