CONFIMPRENDITORI, PRESTITI ALLE IMPRESE IN CALO DELL’1,4%

image_pdfimage_print

confimprenditoriContinuano ad essere difficili le condizioni dell’accesso al credito delle imprese in Italia. E purtroppo il nostro paese sembra essere in controtendenza rispetto al resto dell’area euro. La fotografia emerge da un’analisi del Centro studi ImpresaLavoro della Confimprenditori. Secondo il report, elaborato analizzando i dati resi noti dalla Banca centrale europea sul volume di credito erogato dal sistema bancario alle società non finanziarie, nel 2015 i prestiti al sistema produttivo sono calati dell’1,4%, nonostante gli sforzi messi in campo da Mario Draghi e dal Quantitative Easing. Quest’operazione, infatti, ha consentito alla Bce di acquistare sul mercato secondario 60 miliardi al mese di titoli di Stato dei vari paesi europei (target poi elevato a 80 miliardi a marzo di quest’anno) con l’obiettivo di garantire al sistema bancario la liquidità necessaria per far ripartire il credito a famiglie e imprese.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento