NON SOLO STARTUP, ‘PASSAGGIO TESTIMONE’ PER 303.000 PMI ‘ANZIANE’

PietriPer le neo imprese italiane è difficile sopravvivere ai primi anni di vita, ma anche per gli imprenditori anziani è altrettanto complicato passare il testimone a chi vuole prendere in mano le redini dell’azienda. Il 42% delle imprese nate nel 2010, pari a 111.325 aziende, ha cessato l’attività a 3 anni dalla nascita. E con loro sono andati distrutti 144.301 posti di lavoro. Nel frattempo, tra il 2006 e il 2016, 303.176 piccole imprese con tanti anni di attività sono interessate dal passaggio generazionale e attendono di essere rilevate da un successore. Il fenomeno è rilevato in un rapporto presentato dai Giovani imprenditori di Confartigianato durante l’Assemblea svoltasi nei giorni scorsi a Courmayeur, che ha eletto il nuovo presidente nella persona di Damiano Pietri, 37 anni, imprenditore di Modena, titolare di un’impresa specializzata nella produzione di bilance di precisione. Damiano Pietri guiderà fino al 2020 il Movimento che rappresenta gli imprenditori artigiani under 40.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

LA FORMAZIONE BILATERALE SOSTIENE L'INDUSTRIA 4.0

La formazione bilaterale sostiene l’industria 4.0. Un aumento medio del fatturato del 2,5%, 130 nuovi assunti in 51 imprese. Sono i risultati ottenuti da aziende italiane del settore metalmeccanico che

POLETTI SU CONTRATTAZIONE

“Pensiamo che il tema della contrattazione sia competenza delle parti sociali, aspettiamo che sviluppino il loro confronto. Ma se nel tempo ci renderemo conto che non c’è volonta’ che si

OCSE: PREVISIONI PIL

Nel suo Economic Outlook, l’Ocse prevede una crescita all’1% nel 2016 e all’1,4% nel 2017 per il Pil italiano, mantenendo le stime del febbraio scorso, e sottolinea che il principale

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento