Che differenza c’è tra telelavoro e lavoro agile?

Che differenza c’è tra telelavoro e lavoro agile?
image_pdfimage_print

Non essendo, il ddl lavoro, ancora legge, le posso rispondere solo con le informazioni in mio possesso.
La differenza principale sta nel non prevedere, per il lavoro agile, una unica sede, quale alternativa alla sede aziendale, ove svolgere la propria prestazione lavorativa; cosa che, invece, è prevista nel telelavoro. Infatti, quest’ultimo deve essere effettuato presso un’unica sede che, generalmente, è l’abitazione del lavoratore.
Con lo smart working, invece, tutte le attività possono essere svolte, anche parzialmente, al di fuori dell’azienda ma senza prevedere il luogo ove queste avverranno.
Qui la componente “spazio” è generica, in quanto ci si focalizza quasi esclusivamente sulla realizzazione degli obiettivi prefissati con il datore di lavoro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Sa dirmi se un lavoratore con contratto a partita iva come agente di commercio sospende/perde la ASPI?

Nel caso di svolgimento, da parte del beneficiario di NASpI, di attività lavorativa autonoma, da cui derivi un reddito inferiore al limite utile ai fini della conservazione dello stato di

Un’azienda, che applica il CCNL Alimentari , può non definire l’orario di un dipendente da assumere part-time?

Di default il part-time deve prevedere la collocazione temporale delle ore che verranno, giornalmente, effettuate dal lavoratore. Vedasi l’articolo 5, comma 2, DLvo 81/2015: “Nel contratto di lavoro a tempo

Il limite dei 3.000 euro netti (vouchers) per i soggetti che percepiscono un’indennità di sostegno al reddito è da intendersi globale. Non c’è un limite di 2.000 euro netti per committente o sbaglio??

Rimane il limite di € 2000 per committente imprenditore o professionista. Qualora la persona vado a lavorare da un privato, esempio come babysitter, può prestare lavoro accessorio per un massimo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento