ISTAT: SPESA SOCIALE INEFFICIENTE

image_pdfimage_print

lavoroIl sistema di protezione sociale italiano è tra quelli europei “uno dei meno efficaci”. Lo rileva il Rapporto annuale Istat 2016, evidenziando come “la spesa pensionistica comprime il resto dei trasferimenti sociali”, aumentando il rischio povertà. Nel 2014 il tasso delle persone a rischio si riduceva dopo il trasferimenti di 5,3 punti (dal 24,7% al 19,4%) a fronte di una riduzione media nell’Ue di 8,9 punti. Solo in Grecia il sistema di aiuti è meno efficiente che in Italia. L’Istat sottolinea che in Italia la disuguaglianza nella distribuzione del reddito (misurata attraverso l’indice di Gini sui redditi individuali lordi da lavoro) è aumentata da 0,40 a 0,51 tra il 1990 e il 2010; si tratta dell’incremento più alto tra i paesi per i quali sono disponibili i dati.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CALA SPESA PER AMMORTIZZATORI

Nel 2014 l’ammontare della spesa per gli ammortizzatori sociali è stato di 22,6 miliardi, dei quali 14,4 per prestazioni e circa 8,2 di contributi figurativi, con una contrazione rispetto al

SKILL RICHIESTI

Tra i fattori esterni che limitano la competitività, un’importanza primaria la ha la scarsa reperibilità di risorse umane qualificate. In che modo formazione e skills si ripercuotono sulla competitività di

FLIXBUS SELEZIONA ANCHE IN ITALIA

Flixbus, società di autobus extra-urbani che effettua servizi di trasporto low- cost in tutta Europa con una rete che comprende circa 80.000 collegamenti giornalieri verso 700 destinazioni in 18 paesi,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento