ISTAT: 2,2 MLN FAMIGLIE JOBLESS

image_pdfimage_print

lavoroIn Italia 2,2 milioni di famiglie vivono senza redditi da lavoro. E’ il dato relativo al 2015 che emerge dall’ultimo rapporto annuale dell’Istat. Le famiglie “jobless” sono passate dal 9,4% del 2004 al 14,2% dell’anno scorso e nel Mezzogiorno raggiungono il 24,5%, quasi un nucleo su quattro. La quota scende all’8,2% al Nord e al 11,5% al Centro. L’incremento ha riguardato le famiglie giovani rispetto alle adulte: tra le prime l’incidenza è raddoppiata dal 6,7% al 13%, tra le seconde è passata dal 12,7% al 15,1%. Le persone che vorrebbero lavorare ma che non hanno un impiego sono in Italia 6,5 milioni. E per il 2016 l’Istat evidenzia che l’andamento del mercato del lavoro “è incerto” e quello dei prezzi “appare ancora molto debole”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

APE: boom di domande, la metà rischia di rimanere fuori

Il successo dell’ APE, l’anticipo della pensione, rischia di diventare un’illusione per la metà dei richiedenti. Il governo si aspettava circa 60 mila domande di anticipo pensionistico ma le domande

COMPETENZE DIGITALI

Il 46% di coloro che cercano lavoro e il 57% delle aziende riconoscono come il possesso di competenze aggiornate in ambito digitale sia fondamentale, a prescindere dalle mansioni, dal grado

GARANZIA GIOVANI: OLTRE 341MILA OPPORTUNITÀ

Cresce anche questa settimana il numero dei giovani presi in carico e quello dei giovani ai quali è stata offerta un’opportunità concreta tra quelle previste dal programma Garanzia Giovani. Al

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento