SCUOLA: SCIOPERO PER CONTRATTO

CCNLOggi nuovo sciopero nella scuola, dopo quello indetto la scorsa settimana dai Cobas. Stavolta a organizzare la protesta sono Flc-Cgil, Cisl scuola, Uil scuola e Snals. Chiedono innanzitutto di rinnovare il contratto di lavoro, fermo da anni. Una situazione “che la stessa Corte Costituzionale – fanno notare alla vigilia dell’appuntamento con le piazze – ha dichiarato illegittima e che si è fatta assolutamente intollerabile”. La questione, tuttavia, come ha sottolineato oggi il ministro Giannini, coinvolge tutto il pubblico impiego, non può riguardare un singolo comparto. “Il ministro Madia ha in più occasioni espresso un’apertura su questa questione. Ripartire con il contratto per un settore come la scuola – ha osservato il ministro – è una richiesta che ha fondamento, ma non si deve prescindere dall’enorme sforzo di fondi messi in campo e diretti all’incentivazione degli insegnanti”. E riferendosi alle richieste di modifica alla 107 ha ribadito che “la legge è quella e si cerca di attuarla al meglio”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

POLEMICA LEGA – SCELTA CIVICA

“Ma come, proprio mentre produzione industriale, Pil, occupazione, export e mercato dell’auto danno finalmente segnali positivi, il leader della Lega, Matteo Salvini, pensa ad occupare il ministero dellEconomia e a

PART TIME AGEVOLATO: PARTE CAMPAGNA INFORMATIVA

Il ministero del Lavoro avvia la campagna di comunicazione istituzionale dedicata al “Part time agevolato”, una misura sperimentale che punta a promuovere un principio di “invecchiamento attivo”, ovvero di uscita

Eurostat: la stima degli inattivi

L’ Eurostat ha stimato che nel 2016 l’esercito che compone i cosiddetti inattivi ammonta a circa 89 milioni di persone, di questi circa 70 milioni non hanno desiderio di trovarlo. Un

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento