CALLIPO (CONFSAL SALFI) SU PA

image_pdfimage_print

callipo“Senza l’impegno e l’adesione delle donne e degli uomini che lavorano nei nostri uffici, qualsiasi normazione non provocherà nessuna innovazione: come in ogni ‘know edge farm’, sono loro il vero asset su cui basare qualsiasi progetto di cambiamento e di miglioramento”. Così Sebastiano Callipo, segretario generale del Confsal Salfi, sindacato autonomo dei lavoratori finanziari, parla della riforma della pubblica amministrazione. “La partecipazione dei dipendenti ai processi di miglioramento della nostra amministrazione – sottolinea – e, in particolare, la valorizzazione del benessere di chi lavora e il contrasto alle discriminazioni, nonché una dirigenza pubblica innovatrice, orientata ai risultati e dinamica, rappresentano i minimi elementi di una ipotesi seria di lavoro per trasformare l’attuale assetto agenziale da burocratico in manageriale. In tale contesto assumono rilevanza particolare la valutazione delle performance, i poteri dei dirigenti, i meccanismi di assegnazione degli incarichi e la prevenzione della corruzione”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

SAMSUNG ELECTRONICS ITALIA: A SCUOLA DI APP

Il 13 maggio torna App Academy, il corso di formazione realizzato da Samsung Electronics Italia in collaborazione con il Mip Politecnico di Milano e Dieb, Dipartimento di Elettronica Informazione e

NCD: RIDURRE IL COSTO DEL LAVORO AL SUD

Il leader di Ncd Angelino Alfano, ministro dell’Interno, ritiene che, se nell’esame dei principi guida della legge di stabilità, ci sarà da ragionare sulla diminuzione del costo del lavoro e

PIU’ ALTI REDDITI DIPENDENTI

Una famiglia su due in Italia percepiva un reddito netto non superiore a 2.026 euro a fine 2013. L’Istat rileva un reddito medio di 24.310 euro l’anno, più alto al

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento