Con la nuova procedura telematica, le dimissioni chieste da una signora in maternità facoltativa (il bimbo ha 6 mesi) per il tramite di una organizzazione sindacale sono valide?

Con  la nuova procedura telematica, le dimissioni chieste da una signora in maternità facoltativa (il bimbo ha 6 mesi) per il tramite di una organizzazione sindacale sono valide?
image_pdfimage_print

No. La risoluzione consensuale del rapporto o la richiesta di dimissioni presentate dalla lavoratrice, durante il periodo di gravidanza, e dalla lavoratrice o dal lavoratore durante i primi 3 anni di vita del bambino devono essere convalidate dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro competente per territorio. A detta convalida è sospensivamente condizionata l’efficacia della risoluzione del rapporto di lavoro. (articolo 55, comma 4, del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151).

A questa tipologia di lavoratori non è richiesto l’obbligo della comunicazione telematica di dimissioni, così come previsto dall’art. 26 del D.L.vo n. 151/2015, istitutivo della procedura telematica.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 481 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per brevi prestazioni posso utilizzare il lavoro occasionale autonomo?

Dipende dalle prestazioni che dovranno essere svolte e dall’autonomia gestionale in capo al prestatore. L’art. 2222 c.c. disciplina questa forma contrattuale e stabilisce che l’opera o il servizio deve essere

Un'azienda che ha effettuato licenziamenti collettivi può inserire lavoratori somministrati?

L’articolo 32 del DLvo 81/2015 stabilisce “il divieto del contratto di somministrazione di lavoro …. b) presso unità produttive nelle quali si è proceduto, entro i 6 mesi precedenti, a

Il limite dei 3.000 euro netti (vouchers) per i soggetti che percepiscono un’indennità di sostegno al reddito è da intendersi globale. Non c’è un limite di 2.000 euro netti per committente o sbaglio??

Rimane il limite di € 2000 per committente imprenditore o professionista. Qualora la persona vado a lavorare da un privato, esempio come babysitter, può prestare lavoro accessorio per un massimo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento