CONFCOMMERCIO SU INDICE DISAGIO SOCIALE

image_pdfimage_print

confcommercioIl Misery Index Confcommercio di marzo 2016 si è attestato su un valore stimato di 18,3 punti, in discesa di sei decimi di punto rispetto a febbraio. Il deciso ridimensionamento, che riporta il Mic sui valori di fine 2011, “è imputabile sia alla frenata rilevata per i prezzi dei beni ad alta frequenza d’acquisto, sia alla riduzione della disoccupazione. Questo dato si inserisce in un contesto congiunturale ancora caratterizzato da andamenti altalenanti che rendono discontinuo il recupero dei livelli occupazionali” commenta la Confcommercio nell’indagine.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CRISI VOLKSWAGEN

ll capo dell’istituto economico tedesco Diw, Marcel Fratzscher, mette in guardia dalle ampie e gravi conseguenze dello scandalo che ha colpito il colosso automobilistico Volkswagen. Prevedendo perdite di posti di

CONFCOMMERCIO SU POVERTÀ

A luglio l’indice di disagio sociale scende a 18,8 (-0,1); la disoccupazione estesa scende al 14,9%, mentre i prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto diminuiscono dello 0,1%.

Istat: pressione fiscale in calo

L’Istat ha rilevato che la pressione fiscale è stata in calo nel terzo trimestre del 2016, ma resta comunque al 40,8%, segnando una riduzione di 0,2 punti percentuali rispetto allo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento