CONSULENTI DEL LAVORO SU LICENZIAMENTI

image_pdfimage_print

consulentilavoroLa Corte di Cassazione è intervenuta sulla disposizione contenuta nello Statuto dei Lavoratori (art.7) che fissa in 5 giorni il termine per adottare una sanzione disciplinare a danno del lavoratore, in modo da impedire che la stessa venga proposta senza che l’incolpato abbia avuto la possibilità e il tempo per presentare la documentazione necessaria a giustificarsi. Eppure, secondo quanto stabilito dalla Corte Suprema con la sentenza del 22 aprile 2016, n. 8180, nell’ambito di un procedimento disciplinare, se il lavoratore si giustifica prima che scadano i 5 giorni previsti dall’art. 7 dello Statuto, il datore è autorizzato a licenziare immediatamente anche senza attendere il termine della scadenza. Lo chiarisce l’approfondimento giurisprudenziale pubblicato dalla Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro che illustra la sentenza e la questione relativa al termine massimo entro il quale il datore è obbligato ad effettuare il licenziamento.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

MASTER IN DIGITAL HUMANITIES

Decolla il primo master italiano in Digital humanities, per formare data scientist in ambito culturale e artistico, frutto della collaborazione fra l’Università Cà Foscari di Venezia e Samsung Electronics. Oggi

OCCUPAZIONE EUROZONA +0,3% NEL QUARTO TRIMESTRE

Il numero delle persone occupate nell’Eurozona è salito dello 0,3% nel quarto trimestre del 2015 rispetto al terzo trimestre, e dello 0,1% nell’Ue a 28. Lo comunica Eurostat. Rispetto al

PRODUTTIVITA’ E ORARIO

La proposta del ministro del Lavoro Poletti di non considerare l’orario di lavoro come unico parametro contrattuale piace ai giovani imprenditori. “Perchè – spiega il presidente dei giovani di Confindustria,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento