La capo gruppo dell’azienda presso la quale lavoro è in America. Nei prossimi mesi dovrà venire qui da noi un loro specialista per alcuni mesi di lavoro. Quale è la procedura da seguire?

La capo gruppo dell’azienda presso la quale lavoro è in America. Nei prossimi mesi dovrà venire qui da noi un loro specialista per alcuni mesi di lavoro. Quale è la procedura da seguire?
image_pdfimage_print

La scelta migliore ricade sull’art. 27, comma 1, lett. a), del Decreto Legislativo n. 286/1998 (Testo Unico per l’Immigrazione). La norma stabilisce che il personale altamente specializzato di società aventi sede o filiali in Italia può accedere al di fuori dei flussi di ingresso stabiliti per i lavoratori extraUE.

Il nulla osta al lavoro, in questo caso, è sostituito da una comunicazione da parte dell’azienda della proposta di contratto di soggiorno. Entro 8 giorni dall’ingresso in Italia, lo straniero deve recarsi presso lo Sportello unico per l’immigrazione, unitamente all’azienda, per la sottoscrizione del contratto di soggiorno e per la richiesta del permesso di soggiorno.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Una signora, iscritta regolarmente all’ albo degli architetti, da febbraio collabora con noi come libero professionista a fattura. Quest’anno fatturerà circa l’80% con noi. Cosa ci possono contestare?

Si tratta di una signora, iscritta regolarmente all’ albo degli architetti, che da febbraio collabora con noi come libero professionista a fattura.  Cura una parte della manualistica, le fiere e

Per quanti anni devo conservare il libro unico del lavoro?

  A norma dell’articolo 6, del Decreto 9 luglio 2008 del Ministero del Lavoro, l’obbligo di conservazione del libro unico del lavoro è di 5 anni dalla data di ultima

Un datore di lavoro che intenda assumere a tempo indeterminato un lavoratore ultracinquantenne, ha diritto a qualche agevolazione ?

Si, è prevista un’ agevolazione contributiva sotto forma di abbattimento del 50% per un massimo di 18 mesi a condizione che:

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento