ISTAT SU RETRIBUZIONI A MARZO

image_pdfimage_print

ISTATA marzo l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,8% nei confronti di marzo 2015. Complessivamente, nei primi tre mesi del 2016 la retribuzione oraria media è cresciuta dello 0,8% rispetto al corrispondente periodo del 2015. Lo rende noto l’Istat. A fine marzo, ricorda l’istituto di statistica nazionale, i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 40,8% degli occupati dipendenti e corrispondono al 38,7% del monte retributivo osservato.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cgia: nell’ultima parte dell’anno 123 mila occupati in più

  Nell’ultima parte dell’anno si potrà contare su 123 mila nuovi occupati e 36 mila disoccupati in meno. Lo stima l’Ufficio studi della Cgia di Mestre sulla base dei dati

ASSEGNI DISOCCUPAZIONE

L’anno scorso il numero di beneficiari di ASpI (le nuove prestazioni contro la disoccupazione) è stato di 1.049.929. Lo dice l’Inps, che registra un forte aumento per i beneficiari di

Industria 4.0 tra formazione e competenze

Nell’ ambito del Piano Nazionale Industria 4.0 si sta mettendo in risalto tutto ciò che è inerente alla formazione e alla collaborazione fra aziende e mondo accademico. La formazione è

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento