Cosa prevede l’opzione donna?

Cosa prevede l’opzione donna?
image_pdfimage_print

Prevista dalla legge di stabilità 2016 (Legge n. 208/2015), offre la possibilità di ritiro anticipato alle lavoratrici dipendenti con un’età anagrafica pari o superiore a 57 anni e 3 mesi e con un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni maturata entro il 31 dicembre 2015 (l’età anagrafica è aumentata a 58 anni e 3 mesi per le lavoratrici autonome prescindere dalla data di decorrenza del trattamento pensionistico).

La data del 31 dicembre 2015 è da considerarsi quale termine entro il quale devono essere soddisfatti i soli requisiti contributivi e anagrafici per il diritto alla pensione di anzianità in regime sperimentale donna.

L’assegno sarà più basso rispetto a quello che si prende con la pensione di vecchiaia, perché viene calcolato interamente con il contributivo.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Se, come sembra, la legge di stabilità 2015 abrogherà la legge 407/1990 , sarà comunque possibile stipulare un contratto con l’agevolazione ivi prevista entro la fine dell’anno e ricevere l’ incentivo per tutta la sua durata ?

Di regola dovrei rispondere positivamente alla sua preoccupazione, in quanto l’implementazione di un contratto agevolato in un periodo di vigenza della normativa, non dovrebbe avere ripercussioni per tutta la durata

Siamo una coppia omosessuale che vorrebbe unirsi civilmente. Ci spetta il congedo matrimoniale?

Per i lavoratori che si uniscono civilmente è previsto il c.d. congedo matrimoniale, con le medesime regole previste dalla contrattazione collettiva in caso di matrimonio.

In caso di licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore deve essere preceduto dal tentativo di conciliazione previsto dalla Riforma Fornero ?

Sì, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta rientra tra i casi di giustificato motivo oggettivo (GMO) per i quali è obbligatoria la procedura di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento