PART-TIME AGEVOLATO PER CHI È VICINO ALLA PENSIONE

image_pdfimage_print

PolettiI lavoratori del settore privato con contratto a tempo indeterminato ed orario pieno, che possiedono il requisito contributivo minimo per la pensione di vecchiaia (20 anni di contributi) e che maturano il requisito anagrafico entro il 31 dicembre 2018, potranno concordare col datore di lavoro il passaggio al part-time, con una riduzione dell’orario tra il 40 ed il 60%, ricevendo ogni mese in busta paga, in aggiunta alla retribuzione per il part-time, una somma esentasse corrispondente ai contributi previdenziali a carico del datore di lavoro sulla retribuzione per l’orario non lavorato. È quanto prevede il decreto firmato dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che disciplina le modalità di riconoscimento del part-time agevolato, introdotto da una norma contenuta nella legge di stabilità 2016: una misura sperimentale che intende promuovere un principio di ‘invecchiamento attivo’, ovvero di uscita graduale dall’attività lavorativa.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Fondo di solidarietà: indicazioni per il settore del trasporto aereo e del sistema aeroportuale

L’Inps, con il messaggio n. 4972 del 6 dicembre 2016, fornisce ulteriori chiarimenti circa il Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo e del sistema aeroportuale. I chiarimenti vanno

CINA, BANCA CENTRALE IMMETTE 20 MLD. BORSE EUROPEE IN RIALZO

La Banca centrale cinese ha immesso circa 20 miliardi di dollari nel mercato monetario, nel tentativo di sostenere il mercato azionario che è sceso nei giorni scorsi. La Banca popolare

Fmi: Pil Italia +0,7% nel 2017

Il Fmi lima le stime di crescita per l’Italia per il 2017 e il 2018. Il Pil crescerà quest’anno dello 0,7%; 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle stime di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento