PART-TIME AGEVOLATO PER CHI È VICINO ALLA PENSIONE

PolettiI lavoratori del settore privato con contratto a tempo indeterminato ed orario pieno, che possiedono il requisito contributivo minimo per la pensione di vecchiaia (20 anni di contributi) e che maturano il requisito anagrafico entro il 31 dicembre 2018, potranno concordare col datore di lavoro il passaggio al part-time, con una riduzione dell’orario tra il 40 ed il 60%, ricevendo ogni mese in busta paga, in aggiunta alla retribuzione per il part-time, una somma esentasse corrispondente ai contributi previdenziali a carico del datore di lavoro sulla retribuzione per l’orario non lavorato. È quanto prevede il decreto firmato dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che disciplina le modalità di riconoscimento del part-time agevolato, introdotto da una norma contenuta nella legge di stabilità 2016: una misura sperimentale che intende promuovere un principio di ‘invecchiamento attivo’, ovvero di uscita graduale dall’attività lavorativa.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

LAVORO: BOERI, RISCHIO GENERAZIONE PERDUTA

Occorre introdurre flessibilità in uscita nel sistema pensionistico “in tempi stretti” anche perché “c’é una penalizzazione molto forte dei giovani e dato il livello della disoccupazione giovanile c’é il rischio

FORMAZIONE A SCUOLA E AL LAVORO, AL VIA SISTEMA DUALE

Sono stati firmati questa mattina, a Roma, a via Flavia, i protocolli d’intesa tra il ministero del Lavoro e le Regioni per l’avvio della sperimentazione del cosiddetto ‘sistema duale’ della

Ocse : l’occupazione aumenta, ma l’Italia frena con i giovani

Il tasso di occupazione nell’ Ocse nel quarto trimestre 2017 è salito al 68%, con una crescita di 0,2 punti percentuali in relazione ai tre mesi precedenti ed è ora

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento