Licenziamento disciplinare per: aver timbrato il badge altrui / minacce al datore di lavoro / utilizzo distorto di permessi [Cassazione]

image_pdfimage_print

cassazione* Licenziamento disciplinare per aver timbrato il badge altrui

Con sentenza n. 5777 del 23 marzo 2016, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa, comminato dal datore di lavoro, nel caso in cui scopra un lavoratore intento a timbrare il cartellino (badge) di un collega assente.
I giudici della Suprema Corte hanno stabilito come tale comportamento illecito si possa configurare quale frode ai danni del datore di lavoro.

* Licenziamento disciplinare per minacce al datore di lavoro

Con sentenza n. 5776 del 23 marzo 2016, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del licenziamento per giusta causa comminata dal datore di lavoro nei confronti del lavoratore che, una volta ricevuta l’ennesima sanzione disciplinare, si rivolge all’amministratore dell’azienda con espressioni dal tono minaccioso e dal contenuto scortese.
I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come il nervosismo scaturito dalla ricezione della sanzione disciplinare, non può giustificare la condotta irriverente nei confronti del proprio datore di lavoro.

* Licenziamento per utilizzo distorto di permessi Legge 104/1992

Con sentenza n. 5574 del 22 marzo 2016, la Corte di Cassazione ha affermato la legittimità del datore di lavoro di licenziare per giusta causa un lavoratore che ha usufruito di permessi richiesti per l’assistenza a familiari disabili (previsti dalla Legge n. 104/1992), per motivi estranei all’assistenza stessa.

I giudici della Suprema Corte hanno asserito come un utilizzo distorto dei permessi per l’assistenza a familiari disabili possa essere considerato come un “sostanziale disinteresse per le esigenze aziendali” e, come tale, essere una “grave violazione dei principi di buona fede e correttezza nell’esecuzione del contratto di lavoro“.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 269 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cassazione su: concetto di aliunde perceptum nel risarcimento per licenziamento / licenziamento per il rifiuto alla modifica del luogo di lavoro

* concetto di aliunde perceptum nel risarcimento per licenziamento Con sentenza n. 7685 del 18 aprile 2016 , la Corte di Cassazione ha affermato che nella misura del risarcimento dovuto in

Licenziamento individuale e obbligo di repechage [Tribunale di Roma]

Il Tribunale di Roma, con ordinanza del 27 ottobre 2014, ha affermato che l’obbligo di repechage , in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo (soppressione della postazione lavorativa a seguito di esternalizzazione),

Inps, indennità di tirocinio nell’ambito del Piano Italiano di attuazione della “Garanzia Giovani” – Mess. n. 6789/2014

In adempimento del Piano “Garanzia Giovani”, alcune Regioni hanno manifestato la volontà di affidare all’Inps l’erogazione dell’ indennità di tirocinio : l’Istituto – con il messaggio n. 6789/2014 – pubblica l’apposito schema

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento