fbpx

Un familiare di tossico dipendente ha diritto all’aspettativa non retribuita?

L’art. 124 del DPR n. 309/1990 stabilisce che i lavoratori tossicodipendenti con contratto a tempo indeterminato ed i familiari di tossicodipendenti, possono godere di un’aspettativa non retribuita fino a 3 anni alfine di prendere parte o concorrere a programmi terapeutici riabilitativi presso le ASL.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 645 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Un lavoratore ha presentato le dimissioni per giusta causa per la mancata retribuzione di 4 mesi. Devo comunicarlo al Centro per l’impiego?

Ritengo che qualora la motivazione addotta dal lavoratore sia reale ( mancata retribuzione per 4 mesi ), l’azienda debba avallare dette dimissioni come giusta causa di recesso (vedi sentenza di

COVID-19: I lavoratori intermittenti possono usufruire della CIG in deroga?

Devo avviare la Cassa integrazione in deroga. Visto che utilizzo molti intermittenti, è possibile inserirli tra i lavoratori che fruiscono della Cassa? Sì, è previsto l’inserimento degli intermittenti in caso

Ho letto di un interpello del ministero del lavoro che  permette di riassumere a tempo indeterminato con lo sgravio contributivo, un dipendente che è andato in pensione a settembre dell’anno scorso. Conferma ?

  L’interpello a cui Lei si riferisce è il numero 4 del 20 gennaio 2016. La cosa è fattibile esclusivamente se l’assunzione verrà effettuata dopo almeno 6 mesi ed un

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento