Dimissioni telematiche: come azienda, possiamo intervenire nel caso in cui il lavoratore non ci fa pervenire le dimissioni tramite email?

Dimissioni telematiche: come azienda, possiamo intervenire nel caso in cui il lavoratore non ci fa pervenire le dimissioni tramite email?

La norma (art. 26, d.l.vo 151/2015) non prevede un intervento del datore di lavoro in caso di inerzia del lavoratore. Ad oggi, l’azienda si trova alla finestra in attesa della comunicazione delle dimissioni telematiche di competenza esclusiva del lavoratore.

Lo stesso Ministero del Lavoro, nella circolare n. 12/2016, dice che “il datore di lavoro dovrebbe invitare il lavoratore a compilare il modulo nella forma e con le modalità telematiche previste dalla nuova disciplina”.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

È possibile trasformare un contratto intermittente in un part-time a T. Ind. usufruendo delle agevolazioni della legge n 205/17?

Una ditta ha in forza una dipendente con contratto intermittente a tempo indeterminato: il 01/06/2018 trasforma il contratto in part time a tempo indeterminato. La ditta può usufruire dell’agevolazione legge

Visto che con il DL sul Jobs Act è stata tolta l’obbligatorietà della motivazione nei contratti a tempo determinato, posso prevedere un contratto individuale ai sensi dell’art. 1 del D.L.vo 368/2001?

Sì, la cosa è possibile. Comunque, Le consiglio, per questioni di opportunità, di specificare sempre la motivazione qualora l’assunzione a termine sia dovuta per motivi sostitutivi, in quanto esenti dalla

Nell'Assicurazione Sanitaria Integrativa FASI per dirigenti, le cifre, considerate benefits a carico del lavoratore, sono soggette ad imposta sul reddito?

  Il TUIR, all’articolo 51, co. 2, lett. a), stabilisce che non concorrono a formare reddito i contributi di assistenza sanitaria versati a casse aventi esclusivamente fine assistenziale, per un

2 Commenti

  1. Roberto
    Maggio 13, 14:46 Reply

    La data di cessazione del precedente rapporto di lavoro non è la data in cui Lei è andato presso il Patronato, ma la data in cui ha terminato effettivamente il rapporto di lavoro. Se l’ha comunicata correttamente, non deve fare alcuna rettifica.

  2. Tony8713
    Maggio 12, 14:52 Reply

    Salve una domanda ho dato le dimissioni senza fare procedura telematica ma solo consegnando un modulo che mi è stato anche firmato.dopo due settimane ho iniaziato a lavorare presso un altra azienda che mi ha inquadrato con CTr.
    L azienda con cui lavoravo mi ha invitato a fare le dimissioni al patronato e sono andato subito. Quindi in pratica risulta che per 12= giorni lavoravo da due parti. Cosa comporta per L azienda che sono stato assunto. Lo devo comunicare .

Lascia un commento