Ho stipulato un contratto a tempo determinato per la sostituzione di una impiegata che è andata in maternità. Se alla scadenza del congedo obbligatorio, l’impiegata non rientra a lavorare ma richiede anche un periodo di “facoltativa”, posso prorogare il contratto a termine? La proroga rientra tra le 5 possibili?

esperto_camera

È possibile la proroga per un contratto in sostituzione anche se per una motivazione diversa (da congedo obbligatorio a congedo facoltativo). La proroga non rientra tra le 5 previste dalla nuova legislazione.
Per cui non va sottratta dal monte proroghe che, se non ne ha fatte altre dal 20 marzo 2014, restano 5. Attenzione, però, a non superare il massimale dei 36 mesi che riguarda anche i contratti a termine in sostituzione.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Roberto Camera

A cura di : Roberto Camera

Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena. Tra le sue attività citiamo la cura del sito internet www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro, l’accertamento del Lavoro, la responsabilità dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico, la presidenza della Commissione di Conciliazione della DPL di Modena. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Articoli scelti per voi dalla redazione

3 thoughts on “Ho stipulato un contratto a tempo determinato per la sostituzione di una impiegata che è andata in maternità. Se alla scadenza del congedo obbligatorio, l’impiegata non rientra a lavorare ma richiede anche un periodo di “facoltativa”, posso prorogare il contratto a termine? La proroga rientra tra le 5 possibili?

  1. Stefano Hauser

    Buongiorno,
    tale orientamente può essere considerato valido anche alla luce degli interventi normativi dello scorso anno?

    Mi lasciano perplesse le FAQ pubblicate sul sito cliclavoro, dove pare venga esclusa tale ipotesi:
    1. La disciplina del contratto a termine di cui al D.Lgs. n. 81/2015 si applica anche al contratto stipulato ex art. 4 D.Lgs. n. 151/2001, per sostituire le lavoratrici assenti per maternità?
    Sì, la nuova disciplina del contratto a termine si applica anche al contratto stipulato per sostituzione maternità (art. 4 D.Lgs. n. 151/2001).

    2. Se è stato stipulato un contratto a termine per sostituzione maternità ai sensi dell’art. 4 D.Lgs. n. 151/2001 e sono terminate le possibilità di reiterazione della proroga, nel caso in cui la titolare decida di posticipare ancora la data del suo rientro in servizio, è necessario attendere gli intervalli previsti dalla legge (art. 21 del D.Lgs. n. 81/2015) prima di stipulare un nuovo contratto a termine con la sostituta?
    Sì, anche nel caso di sostituzione maternità vanno rispettati i periodi di intervallo tra un contratto a termine ed un altro contratto a termine tra le stesse parti, previsti dal D.Lgs. n.81/2015.

    Se quanto affermato nella risposta fosse invece ancora valido, sarebbe ipotizzabile un’esclusione delle proroghe anche nel caso in cui la lavoratrice sostituita abbia prolungato il proprio periodo di astensione attraverso la fruizione di ferie?

    grazie
    Cordiali saluti

  2. RobertoRoberto

    La reale scadenza di un contratto a tempo determinato per sostituzione è il rientro del lavoratore/trice sostituito. Viceversa, la data di scadenza indicata nell’UniLav non è una data formale di scadenza del contratto, come non sono proroghe formali quelle effettuate qualora la sostituita non rientra alla scadenza prevista.
    L’unica cosa che devo realmente guardare è il raggiungimento dei 36 mesi che è il medesimo rispetto alle atre tipologie di contratto a termine.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)