Specificità nella contestazione disciplinare [Cassazione]

Con sentenza n. 9615 del 12 maggio 2015, la Corte di Cassazione afferma che la previa contestazione dell’addebito, necessaria in funzione dei licenziamenti qualificabili come disciplinari, ha lo scopo di consentire al lavoratore l’immediata difesa e deve conseguentemente rivestire il carattere della specificità , che risulta integrato quando sono fornite le indicazioni necessarie ed essenziali per individuare, nella sia materialità, il fatto o i fatti nei quali il datore di lavoro abbia ravvisato infrazioni disciplinari o comunque comportamenti in violazione dei doveri di cui agli artt. 2104 e 2105 c.c. e il relativo accertamento costituisce oggetto di un’indagine di fatto, incensurabile in sede di legittimità, salva la verifica di logicità e congruità delle ragioni esposte dal giudice di merito.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Redazione web

A cura di : Redazione web

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Articoli scelti per voi dalla redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)