Esonero contributivo per le nuove assunzioni 2015: emanata la circolare inps n. 17/2015

lavoro internetÈ stata diffusa questa mattina la tanto attesa Circolare INPS n. 17/2015 del 29.01.2015, in materia di esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato effettuate da qualsiasi datore di lavoro nel corso dell’anno 2015, ai sensi di quanto previsto dalla Finanziaria per l’anno in corso (Legge 190/2014, articolo unico, commi 118 e seguenti).
Com’è oramai a tutti noto, la misura del nuovo incentivo previsto in finanziaria è pari all’ammontare dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro fino all’importo massimo di euro 8.060,00 annui. Restano comunque dovuti i contributi previdenziali a carico del lavoratore oltre ai premi e i contributi INAIL. L’applicazione del beneficio, come era facile prevedere, non determina alcuna riduzione del trattamento previdenziale per i lavoratori coinvolti, i quali beneficeranno pure degli istituti e degli interventi previdenziali tipici del settore in cui opera il datore di lavoro.

Il beneficio spetta per tutte le assunzioni a tempo indeterminato effettuate tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2015 e la sua durata è pari a 36 mesi a far data dal giorno di assunzione. Per la fruizione dello sgravio è necessario che il lavoratore non sia stato occupato con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro nei sei mesi antecedenti la data di assunzione. Per ridurre il rischio di artificiosa precostituzione dei presupposti per l’ottenimento del beneficio, è stata pure esclusa l’applicazione dell’esonero qualora, nei tre mesi antecedenti la data di entrata in vigore della Legge di Stabilità 2015, il lavoratore assunto abbia avuto rapporti di lavoro a tempo indeterminato con il datore richiedente l’incentivo o con società o soggetto comunque collegati al medesimo.

L’Istituto ha chiarito che la misura incentivante assume la natura tipica di incentivo all’occupazione, ritenendo che la stessa – caratterizzandosi quale intervento generalizzato e potenzialmente rivolto a tutti i datori di lavoro privati che operano in ogni settore economico e in qualsiasi area del territorio nazionale – non sia qualificabile alla stregua di un aiuto di Stato (art. 107 Trattato UE). Ciò significa che lo sgravio incentivante è riconosciuto per ogni assunzione a tempo indeterminato, senza alcuna necessaria preventiva valutazione, a titolo meramente esemplificativo, né in termini di incremento occupazionale, né in termini di rispetto della disciplina c.d. “de minimis”.

L’incentivo spetta a tutti i datori di lavoro, a prescindere dalla circostanza che essi assumano o meno la natura di imprenditore, quindi anche alle associazioni culturali, di volontariato, politiche o sindacali e agli studi professionali. Nel novero dei beneficiari sono compresi, inoltre, i datori di lavoro del settore agricolo, tuttavia con specifiche limitazioni esaminate nella circolare.

L’esonero contributivo riguarda tutti i rapporti di lavoro a tempo indeterminato, anche part time, con le sole esclusioni dei contratti di apprendistato, del lavoro domestico e dei contratti di lavoro intermittente, pur se stipulati a tempo indeterminato. Sono ricompresi nello sgravio le assunzioni dei dirigenti, i rapporti di lavoro a tempo indeterminato instaurati in attuazione a un vincolo associativo stipulato con una cooperativa di lavoro (L. 142/01) e le assunzione a tempo indeterminato a scopo di somministrazione effettuate dalle agenzie per il lavoro regolarmente autorizzate.

Nel caso di assunzione con modalità oraria part time, la misura massima dell’incentivo va riparametrata in funzione dello specifico orario ridotto di lavoro. Al fine di agevolare l’applicazione dell’incentivo, la soglia massima di esonero contributivo è riferita al periodo di paga mensile ed è pari a euro 671,66 (=8.060/12). Per i rapporti di lavoro instaurati oppure risolti nel corso del mese, detta soglia va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di euro 22,08 (=8.060,00/365) per ogni giorno di fruizione dell’esonero.

Per quanto attiene alla somministrazione di manodopera, l’Istituto ha pure chiarito che l’incentivo spetta – fermi ovviamente i requisiti soggettivi previsti in generale dalle nuove disposizioni – ogni qual volta il lavoratore sia assunto a tempo indeterminato dall’agenzia, a prescindere dalla circostanza per la quale la somministrazione di manodopera in favore dell’utilizzatore di turno avvenga a tempo indeterminato oppure a termine. È pacifico, dunque che anche le missioni a tempo determinato possono essere oggetto di incentivo qualora siano svolte con l’impiego di lavoratori assunti a tempo indeterminato nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2015. Inoltre, la circolare chiarisce che in caso di cessazione della missione nel corso dell’anno, l’utilizzatore che dovesse assumere il lavoratore già somministrato potrà continuare a fruire dell’esonero contributivo per la durata residua del periodo massimo di fruizione, sempre che l’assunzione decorra dopo almeno sei mesi dalla cessazione del contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato stipulato dal lavoratore. Seguendo il medesimo ragionamento, è parere di chi scrive che tutte le missioni in cui sia coinvolto il lavoratore incentivato assunto dal somministratore possano beneficiare dell’incentivo, anche qualora le medesime siano intervallate da eventuali periodi di disponibilità, fino alla naturale scadenza del periodo di 36 mesi dal giorno dell’assunzione previsto per legge.

Altro chiarimento estremamente opportuno riguarda la circostanza per la quale non sono ammissibili all’agevolazione quei lavoratori che siano stati licenziati nei sei mesi antecedenti l’avvio della missione proprio dal medesimo utilizzatore della somministrazione di manodopera, ovvero da soggetto comunque ad esso collegato. In sostanza l’istituto, pur se con formulazione non proprio felice, con evidente e dichiarato fine antielusivo, ha inteso chiarire [paragrafo 4 punto c) della circolare] che non è possibile aggirare il divieto di sgravio relativo alle assunzioni di lavoratori licenziati nei sei mesi precedenti dal medesimo datore ricorrendo alla somministrazione tramite agenzia. È pacifico, invece che qualora l’agenzia per il lavoro – al pari di qualsiasi altro datore di lavoro – dovesse procedere all’assunzione a tempo indeterminato di un lavoratore licenziato da oltre sei mesi nell’ambito di un rapporto a tempo indeterminato, essa ben potrà beneficiare dello sgravio contributivo anche qualora il prestatore dovesse essere inviato in missione proprio presso il datore che aveva proceduto al licenziamento, e sempre a condizione che nel periodo intermedio (i sei mesi dal licenziamento) il lavoratore non sia stato comunque assunto a tempo indeterminato da qualsiasi datore. Del pari, è pacifico che l’assunzione a tempo indeterminato di un lavoratore già precedentemente impiegato con contratto di lavoro a tempo determinato, anche in somministrazione, dia certamente luogo al diritto allo sgravio contributivo.

In deroga, poi, al principio generale in materia di fruizione degli incentivi in ragione al quale qualsiasi incentivo all’assunzione non spetta qualora l’assunzione medesima costituisca attuazione di un obbligo che scaturisce dalla legge o dal CCNL, ritiene l’istituto che le assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato operate nel rispetto delle complessive condizioni di legge riassunte nella circolare in commento, fruiscano dell’esonero contributivo triennale a prescindere dalla circostanza che esse costituiscano un obbligo stabilito da norme di legge o di contratto collettivo. Ciò perché – chiarisce l’istituto – la legge in commento, più che al promuovere nuove assunzioni, è in realtà finalizzata a promuovere forme di occupazione stabile attraverso lo strumento delle nuove assunzioni a tempo indeterminato. Dunque sono incentivabili, a titolo meramente esemplificativo, le assunzioni effettuate in attuazione dell’obbligo di cui all’art. 5, comma 4 – quater, D. Lgs. 368/01 (lavoratore che nei 12 mesi precedenti abbia avuto rapporti di lavoro a termine per un periodo superiore a sei mesi) e quelle poste in essere in caso di acquisto o affitto di azienda o ramo di azienda.

È stato pure chiarito che la trasformazione di un rapporto di lavoro a termine in un rapporto di lavoro a tempo indeterminato è equiparabile a tutti gli effetti alla nuova assunzione, dunque non è necessario lasciar decorrere un intervallo temporale tra il precedente rapporto a termine e la nuova assunzione a tempo indeterminato.

L’esonero contributivo, invece, non spetta nei seguenti casi:

a)     L’assunzione violi il diritto di precedenza, fissato dalla legge o dal contratto collettivo, alla riassunzione di altro lavoratore licenziato in precedenza nell’ambito di un rapporto a tempo indeterminato ovvero cessato da un rapporto di lavoro a termine. Il divieto non è aggirabile neppure ricorrendo alla somministrazione di manodopera di altro lavoratore.

Poiché il diritto di precedenza non opera ipso jure, è da ritenersi che tale condizione ricorra qualora il lavoratore abbia manifestato al datore, nei termini di legge, la volontà di esercitare il diritto di precedenza maturato;

b)    Il datore di lavoro, ovvero l’utilizzatore nel caso di somministrazione, sia interessato da sospensioni dal lavoro con interventi di integrazione salariale straordinaria e/o in deroga, con esclusione dei casi in cui l’assunzione o la somministrazione siano finalizzate all’acquisizione di professionalità differenti da quelle in possesso dei lavoratori sospesi e sempre con riferimento all’unità produttiva interessata;

c)     L’assunzione riguarda lavoratori licenziati, nei sei mesi precedenti, da un datore di lavoro che, alla data del licenziamento, presentava elementi di relazione con il datore che assume. Anche tale condizione, come pure sopra già chiarito, non è aggirabile attraverso la somministrazione di manodopera;

d)    L’inoltro della comunicazione telematica obbligatoria sia stato effettuato oltre i termini di legge. In tal caso la perdita del beneficio è limitata al periodo compreso tra la data di effettiva assunzione e quella del tardivo inoltro della comunicazione.

La fruizione del beneficio, inoltre, è condizionata al rispetto delle norme fondamentali in materia di condizioni di lavoro e di assicurazione sociale obbligatore e, quindi, è necessario che il beneficiario sia munito della regolarità contributiva e rispetti le norme sancite dai contratti collettivi.

Quanto alle limitazioni soggettive introdotte proprio dalla L. 190/2014, l’INPS ha, inoltre, precisato che rientrano nel campo dei contratti a tempo indeterminato che, qualora posti in essere nei sei mesi antecedenti l’assunzione, determinano l’inapplicabilità dello sgravio contributivo: i) il contratto di apprendistato; ii) il rapporto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla somministrazione di manodopera tramite agenzia; iii) il rapporto di lavoro domestico a tempo indeterminato. La sussistenza di un precedente contratto di lavoro intermittente a tempo indeterminato non  costituisce, invece, condizione ostativa per il diritto all’esonero contributivo.

L’Istituto chiarisce, ancora, che ai fini del beneficio il lavoratore non deve avere avuto un precedente rapporto di lavoro agevolato, ai sensi della Legge di Stabilità 2015, con lo stesso datore di lavoro che assume. Si tratta di una precisazione non da poco, atteso che la lettera della legge – facendo invece riferimento, ai fini dell’esclusione, in generale ai “lavoratori per i quali il beneficio sia già stato usufruito in relazione a precedente assunzione a tempo indeterminato” – sembrava sempre escludere una possibile duplicazione del beneficio per il medesimo lavoratore in caso di successiva nuova assunzione, anche se effettuata da parte di un datore di lavoro differente da quello che aveva già goduto dello sgravio. Ne consegue che qualora un lavoratore assunto con il beneficio contributivo dovesse essere successivamente licenziato, il medesimo potrà essere nuovamente assunto con l’applicazione dello sgravio, sempre che la seconda assunzione a tempo indeterminato sia posta in essere a distanza di almeno sei mesi dalla prima e comunque non oltre il 31 dicembre 2015.

Quanto alla compatibilità con altre forme di incentivo, poi, l’INPS chiarisce che l’esonero non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente (es. incentivi per l’assunzione di ultracinquantenni disoccupati da oltre 12 mesi o donne prive di impiego regolarmente retribuito da oltre 24 mesi, oppure sei mesi in determinate aree del Paese), mentre esso è cumulabile con gli incentivi che assumono natura economica, tra i quali: l’incentivo per l’assunzione di lavoratori disabili; quello per l’assunzione di beneficiari del trattamento ASPI (art. 2, comma 10 bis, L. 92/12); l’incentivo inerente il programma “garanzia giovani”; l’incentivo per l’assunzione di giovani lavoratori agricoli (art. 5 D.L. 91/12, conv. L. 116/14).

Si ricorda, in fine, che sono stati soppressi i benefici contributivi previsti dalla L. 407/1990, che continuano ad operare esclusivamente in relazione alle assunzioni effettuate entro il 31.12.2014.

Di seguito il testo della circolare.

tuttoschermo

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Luca Peluso (Legal Team)

A cura di : Luca Peluso (Legal Team)

Avvocato Giuslavorista socio AGI (Avvocati Giuslavoristi Italiani). Consegue la laurea con lode in Giurisprudenza nell’anno 2001. Specializzato nell’individuazione di soluzioni idonee a garantire la giusta flessibilità in azienda, collabora con prestigiosi studi professionali fornendo prevalentemente attività di consulenza.

Articoli scelti per voi dalla redazione

24 thoughts on “Esonero contributivo per le nuove assunzioni 2015: emanata la circolare inps n. 17/2015

  1. claudio d'urbano

    La circolare Inps non indica chiaramente se per procedere con le assunzioni dobbiamo ancora attendere un codice sgravio da indicare in Unilav.
    Si fa soltanto riferimento ad una successiva circolare “per la fruizione della misura di legge in oggetto, con particolare riguardo alle modalità di compilazione delle dichiarazioni contributive da parte dei datori di lavoro”.
    Nel frattempo le assunzioni rimangono in sospeso.

  2. Giacomo De Cicco

    Esistono attualmente modalità e codici autorizzazioni da parte dell’Istituto per gli intermediari ai fini dell’accesso alle agevolazioni per i loro clienti? e come comportarci nell’ipotesi di assunzione effettuata ai sensi della vecchia normativa prevista dall’art.4 commi 8-11 L.92/2012(Fornero), dobbiamo chiedere la trasformazione del contratto da T.determinato a T.indeterminato? e in questi casi possiamo far retroagire l’agevolazione sin dal momento dell’assunzione o dalla data di trasformazione? grazie.

    • luca pelusoluca peluso

      per quanto riguarda le modalità concrete, non vi è ancora alcuna specifica indicazione. Quanto alle assunzioni effettuate ai sensi dell’art. 4 commi 8-11 l. 92/12, l’Istituto ha chiarito che il beneficio non è cumulabile con i nuovi incentivi. A mio avviso, in caso di trasformazione a t.i. nel corso del 2015 di un contratto precedentemente avviato a td ai sensi del comma 8, il datore ha ben diritto a beneficiare del nuovo maggiore incentivo. Ovvio che qualora la trasformazione sia avvenuta in precedenza (comma 9), oppure il contratto sia stato stipulato sin dall’origine a t.i. (comma 10) non sarà possibile accedere all’ulteriore beneficio. In ogni caso, operando in Italia, potrebbe essere buona prudenza, nel caso prospettato, lasciare scadere il precedente ctd e avviarne nuovo con sgravio ai sensi della finanziaria 15

  3. Roberto amato

    nella circolare INPS si evince che l’azienda deve avere la regolarità contributiva e il rispetto dei CCNL ,proprio queste sono le insidie nascoste esempio si assume in virtù di una agevolazione e dopo un determinato periodo si riceve una visita ispettiva dalla quale emerge che non hai pagato pochi euro per retribuzioni non erogate o per non aver pagato i contributi di un periodo ,l’azienda dovrà pagare per tutto il periodo i contributi in modo intero .

  4. ILARIA

    UN RAGAZZO ASSUNTO CON CONTRATTO DI APPRENDISTATO CHE HA DATO LE DIMISSIONI DURANTE IL PERIODO DI PROVA Potrà ESSERE ASSUNTO A TEMPO INDETERMINATO CON LO SGRAVIO DA UN’ALTRA AZIENDA O DEVONO COMUNQUE PASSARE I 6 MESI?

    • luca pelusoluca peluso

      il periodo di prova rappresenta una condizione sospensiva al contratto di lavoro subordinato. Dunque è mio parere che qualora il rapporto sia stato risolto in periodo di prova, non essendosi mai concretamente perfezionato il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, sia possibile una successiva assunzione decontribuita senza attendere i sei mesi

  5. luca monteferrante

    nell’ipotesi di una casa famiglia con lavoratrici assunte a tempo determinato con ccnl “lavoro domestico” , la conversione a tempo indeterminato dei loro contratti con variazione del ccnl applicato configurerebbe la legittimità della fruizione dell’incentivo?

  6. Diana

    Mi aggancio al quesito sopra: sapete se ci sono chiarimenti ufficiali in merito alla possibile agevolazione (esonero contributivo) nel caso di assunzione di dipendente già assunto con le agevolazioni e che ha risolto il suo precedente rapporto durante il periodo di prova? Ha lavorato solo tre giorni…

  7. Enzo

    La lavoratrice già assunta con contratto part time a tempo indeterminato può usufruire di agevolazioni nel caso di una seconda assunzione presso altra azienda? Lavora già 4 ore e le é stato proposto un altro contratto per le 4 ore rimanenti da altra azienda. Grazie

  8. Alberto

    Una questione che mi pare interessante ma non ho ancora visto affrontata è la seguente: se un lavoratore si dimette da un’azienda presso la quale era occupato a tempo indeterminato e subito dopo viene assunto da un’altra azienda con contratto di lavoro a tempo determinato di durata superiore ai sei mesi con scadenza prima del 31/12/2015, e alla scadenza il suo rapporto di lavoro viene trasformato a tempo indeterminato, in teoria avrebbe i requisiti per portare in dote l’agevolazione contributiva, in quanto nei sei mesi precedenti la trasformazione non sarebbe stato titolare di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Ma questo comportamento non potrebbe essere considerato vagamente elusivo?

    Devo dire che in tutto ciò stupisce il silenzio assordante del Ministero: finora si espresso solo l’INPS, dal Ministero nemmeno una riga.

  9. Liliana

    Vorrei sapere se è possibile e se è legale passare dei dipendenti che hanno contratto a tempo indeterminato a essere pagati coi voucher per certo periodo e poi riassumerli a tempo indeterminato. Così vuol fare la mia titolare per pagare meno tasse…

  10. jenny

    buonasera, pongo il seguente quesito in merito al diritto di precedenza, se licenzio un barista e dopo un x di tempo assumo un cameriere (quindi dipendente con altra mansione) posso usufruire dello sgravio triennale? grazie

  11. max

    Salve, vorrei sapere gentilmente, se un lavoratore o gruppo di lavoratori part time,(quindi iscritti al C.I.) in un cambio d’appalto dove l’azienda aggiudicataria è diversa da quella uscente L’aggiudicatario potrà assumere con gli sgravi previsti dal job act?

  12. Ale

    Buongiorno, in merito alla questione cosa si intende per <>? Due omissioni di DM10 in 4 anni, nonostante i contributi siano stati regolarmente versati, e nonostante ci sia regolare presentazione del mod. 770 possono far decadere l’azienda dall’esenzione triennale per l’assunzione posta in essere?

  13. Stefano

    Buongiorno, riporto il mio caso.
    Contratto di assunzione a tempo indeterminato part time il 4.3.2015, Dimissioni il 20.9.2015, ora posso essere assunto da un’altra impresa con contratto full time a tempo indeterminato beneficiando dello sgravio?

    • Luca PelusoLuca Peluso

      No. La regola per la de contribuzione è che il lavoratore non abbia avuto rapporti a tempo indeterminato, con qualsiasi datore, nei sei mesi antecedenti l’assunzione decontribuita. Unica eccezione, a mio avviso ma tra l’altro non confermata da alcuna circolare, può essere rappresentata dalle dimissioni in periodo di prova, in quanto in tale specifica ipotesi il rapporto di lavoro a tempo indeterminato ancora non si è perfezionato
      Avv. Luca Peluso

      • Rocco Fondacaro

        Buongiorno avv. Peluso, a tal proposito volevo chiedere una informazione.
        Il 31/12/2014 l’azienda per la quale lavoravo a causa di una contrattura del mercato ha soppresso la mia posizione lavorativa risolvendo il rapporto consensualmente. Dopo sei mesi di disoccupazione sono stato assunto da un’altra azienda. Dopo 5 mesi a causa di un incidente che mi ha costretto a casa, hanno deciso di interrompere il rapporto di lavoro per mancato superamento periodo di prova. Le volevo chiedere se dopo altri 6 mesi di disoccupazione le altre aziende possono usufruire degli sgravi fiscali ? mi interessa per potermi giocare anche questa carta in fase di colloquio.

        Grazie

  14. jenny

    buon pomeriggio, rapporto di lavoro a tempo indeterminato cessato a giugno 2015 con l’azienda X, l’azienda Y assume il lavoratore a tempo determinato, per usufruire dell’esonero contributivo dovrei trasformarlo a tempo indeterminato ma devo attendere che il lavoratore maturi i sei mesi dalla data di cessazione del rapporto a tempo indeterminato (quindi devo conteggiare giugno 2015+sei mesi)? grazie buon lavoro

  15. Giovanna

    Buongiorno,
    ho bisogno di aiuto e vi cito il mio caso.

    Ho da poco avuto un bimbo. Ora ha un anno. Dal mio contratto full time ho chiesto al mio titolare di passare a un part time di 6 ore. Si sta irrigidendo e mi sta creando qualche difficoltà. Dopo varie esitazioni è giunto ad una conclusione con la firma ad un “accordo per la trasformazione rapporto di lavoro da temp pieno a tempo paziale – art. 5 comma 10 – dlgs n. 61/2000 ”
    lo stesso riporta:
    decorrenza 16 novembre 2015
    durata a tempo determinato fino al 31 dicembre 2015 (E QUI SORGE IL MIO DUBBIO…)
    orario lavoro (quello che vorrei) lun-ven dalle alle per un totale di 30 ore settimanali, 130 mensili, 1560 annuali.
    qualifica invariata
    retribuzione proporzionale ai nuovi orari
    ATTUALE FORMA DI CONTRATTO TEMPO INDETERMINATO

    La mia domanda quindi: mi sta trasformando il contratto da tempo indeterminato a tempo determinato? quindi allo scadere di dicembre 2015 potrei trovarmi con grande stupore senza un lavoro soprattutto senza che mi venga comunicato???

    Ringrazio fin d’ora per l’attenzione che mi verrà dedicata.

    • Jessica

      Non è possibile trasformare un contratto a tempo indeterminato in uno a tempo determinato. La scadenza indicata è relativa al part time 6 ore: ovvero fino al 31/12/2015 il datore di lavoro accetta di farti fare 30 ore settimanali. Dal 1° gennaio 2016, se non subentra un rinnovo della riduzione di orario, dovrai tornare a fare tempo pieno!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)