8.060 euro l’anno per tre anni: modalità operative per le nuove assunzioni

editoriale di Eufranio MassiLe richieste che , in questi giorni, vengono da parte degli operatori riguardano, principalmente, la novità concernente le nuove assunzioni a tempo indeterminato che saranno effettuate nel corso del 2015 e che risultano fortemente incentivate. C’è da osservare come, i “media” abbiano avuto un notevole peso, propagandando l’agevolazione.
Fatta questa premessa ritengo necessario intervenire nel dibattito chiarendo che la riflessione si basa sul puro testo
(legge 23 dicembre 2014, n. 190) approvato, in via definitiva,  il 23 dicembre 2014 e che è stato pubblicato sul S.O. alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014.

Premetto che le considerazioni che seguono sono “di prima mano”, nel senso che sono effettuate prima dei chiarimenti operativi che, sicuramente, interverranno attraverso l’INPS e quelli che, auspicabilmente, “produrrà” il Ministero del Lavoro.

Le assunzioni agevolate (art. 1, commi 118 e 119) riguardano tutti i rapporti a tempo indeterminato instaurati tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2015: non c’è alcun specifico riferimento ai giovani, pur se, nella maggior parte dei casi, saranno loro ad esserne interessati.

Ma quali sono gli aspetti salienti?

Le nuove assunzioni a tempo indeterminato sono (con eccezione del contratto di apprendistato) agevolate: quando, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, sarà in vigore il Decreto Legislativo sul contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, postulato dalla legge n. 183/2014, (ciò avverrà tra la fine di gennaio e la prima decade di febbraio) i benefici riguarderemmo anche tale tipologia contrattuale. Essa, destinata a sostituire “in toto” per i nuovi assunti l’ordinario contratto a tempo indeterminato (che, comunque, ripeto, è pienamente utilizzabile a partire dal 1° gennaio per le nuove assunzioni), ipotizzerà, appunto, le c.d. “tutele crescenti”, correlate all’anzianità del lavoratore che scatteranno, sotto forma di indennità di natura economica, in caso di licenziamento, fatte salve situazioni di nullità, discriminatorie o di risoluzioni disciplinari con motivazione palesemente insussistente, secondo la revisione prevista dell’art. 18 della legge n. 300/1970.

Le assunzioni incentivate non sono possibili per quei lavoratori che, negli ultimi sei mesi, sono stati titolari di un rapporto a tempo indeterminato o che sono stati in forza nei tre mesi antecedenti il 1° gennaio 2015, sempre a tempo indeterminato, in aziende collegate o controllate anche ex art. 2359 c.c., o anche correlate tra loro da rapporti interpersonali. Da ciò discende che potranno essere assunti ed essere qualificabili come nuove assunzioni, i lavoratori che hanno in corso (o hanno avuto) con lo stesso datore, un rapporto a tempo determinato, un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, una associazione in partecipazione, un contratto intermittente, una prestazione di lavoro accessorio, una collaborazione occasionale o un contratto professionale a partita IVA.

A tal proposito pongo la questione se i benefici possano essere riconosciuti in presenza di una conversione a tempo indeterminato di un contratto a termine (che, formalmente, non è una nuova assunzione, cosa che potrebbe comportare qualche problema operativo per il datore alla luce del contratto a tutele crescenti disciplinato dall’apposito Decreto Legislativo): effettivamente, appare inconcepibile che le parti siano costrette a risolvere il rapporto e ad iniziarne un altro nuovo (non c’è bisogno di alcun “stacco” di dieci o venti giorni, essendo il secondo a tempo indeterminato) due giorni dopo, con una serie di adempimenti burocratici non necessari relativi alla cessazione ed alla nuova costituzione. Ritengo, tuttavia, che ciò, anche se poco comprensibile (ma la normativa italiana è quella che è), vada fatto: quindi interruzione del primo rapporto, breve “stacco” e stipula di un nuovo contratto a tempo indeterminato, proprio perché l’assunzione possa qualificarsi come nuova.

E’ appena il caso di sottolineare come il datore di lavoro possa riottenere il contributo aggiuntivo dell’1,40%, se pagato, relativo al precedente contratto a tempo determinato, per tutte le mensilità di esecuzione dello stesso. La restituzione appare coerente anche con il nuovo dettato normativo che parla di “non cumulabilità con altri esoneri o riduzioni di aliquote di finanziamento previste dalla normativa vigente”, in quanto la restituzione, prevista dall’art. 1, comma 135, della legge n. 147/2013, riguarda il precedente rapporto che viene trasformato o ricostituito a tempo indeterminato.

Un discorso leggermente diverso va, a mio avviso, fatto, relativamente al requisito dei sei mesi precedenti senza alcun rapporto a tempo indeterminato, per il contratto di lavoro intermittente a tempo indeterminato. Come è noto, tale tipologia è “sui generis” nel senso che, a prescindere dalla durata ipotizzata “a monte”, la prestazione lavorativa è strettamente subordinata alla “chiamata” dell’imprenditore, per cui potrebbe anche verificarsi che, a fronte di un contratto a tempo indeterminato, siano estremamente poche le volte in cui il lavoratore presta la sua attività.


Si potrebbe pensare, ai fini del rispetto del requisito semestrale (ma qui la parola spetta al Ministero del Lavoro ed all’INPS) che, sulla falsariga del concetto di “occupazione stabile” fornito dal Dicastero del Welfare con la circolare n. 18/2014 in ordine alla computabilità della percentuale legale del 20% relativa ai contratti a termine, possano rientrare nella fattispecie del precedente rapporto a tempo indeterminato stipulato nei sei mesi antecedenti come requisito ostativo all’assunzione agevolata, soltanto i contratti di lavoro intermittenti a tempo indeterminato per i quali il datore di lavoro riconosce l’indennità di disponibilità prevista dall’art. 36 del D.L.vo n. 276/2003.

Le agevolazioni previste riguardano la sola quota contributiva a carico del datore di lavoro (con esclusione dei premi INAIL, cosa che, invece, era prevista dall’art. 8, comma 9, della legge n. 407/1990) e, quasi certamente, saranno attivabili attraverso il sistema del conguaglio contributivo. La quota incentivata è per un massimo di 8.060 euro all’anno per un triennio: ciò significa che il datore di lavoro, ad eccezione di quello domestico, escluso dal campo di applicazione dei benefici, e comprese le Agenzie di somministrazione, paga soltanto la eventuale differenza contributiva, a suo carico, superiore a tale somma. Ovviamente, se la quota contributiva è, ad esempio, di 6.000 euro il beneficio sarà fino a tale importo. A quanto appena detto va aggiunto che un altro comma della legge n. 190/2014, prevede un ulteriore vantaggio che è rappresentato dalla possibilità di scomputare dalla base di calcolo per l’IRAP le spese del personale sostenute per i contratti a tempo indeterminato (nel campo di applicazione rientrano anche l’apprendistato che è un contratto a tempo indeterminato – art. 1, comma 1, del D.L.vo n. 167/2011 – e, per scelta del Legislatore, anche i contratti a termine degli operai agricoli).

Gli incentivi (comma 119) riguardano anche i datori di lavoro del settore agricolo. La norma che è stata inserita nel passaggio al Senato, presenta alcune particolarità. Le assunzioni a tempo indeterminato, con esclusione dell’apprendistato, non possono riguardare lavoratori che nel corso del 2014 hanno avuto rapporti, in agricoltura, a tempo indeterminato o che abbiano avuto rapporti a termine con un numero di giornate denunciato negli elenchi nominativi, pari o superiore a 250 nel predetto anno solare (“rectius” civile, atteso che il riferimento è sempre 1° gennaio – 31 dicembre). In questo specifico settore le agevolazioni sono riconosciute “a domanda”: l’INPS evade le istanze seguendo l’ordine cronologico, fino ad esaurimento dei fondi specifici assegnati

Il comma 120 pone, esclusivamente per tale settore, alcune limitazioni nel senso che le assunzioni sono agevolate, fino a concorrenza dei fondi disponibili: 2 milioni di euro nel 2015, 15 milioni, rispettivamente per il 2016 ed il 2017, 11 milioni per il 2018 e 2 milioni per il 2019. In caso di carenza di risorse, l’INPS ne darà notizia sul proprio sito internet.

I benefici per le nuove assunzioni (che non riguardano, è bene sottolinearlo, l’apprendistato nelle sue tre tipologie che gode, di per se stesso, di specifici incentivi di natura contributiva, economica, normativa e fiscale) non sono strutturali, in quanto si riferiscono soltanto a quelle avvenute in un arco temporale di dodici mesi compreso tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2015: inoltre, è fatto assoluto divieto di fruire per lo stesso lavoratore del beneficio se l’interessato ne ha già consentito il “godimento” attraverso una precedente assunzione a tempo indeterminato (cosa del tutto diversa dall’incentivo previsto dall’art. 8, comma 9, della legge n. 407/1990 che verrà meno a partire dal prossimo 1° gennaio). La disposizione è stata, indubbiamente, pensata per evitare, nei limiti del possibile, un uso capzioso o distorto dell’agevolazione.

Il Legislatore precisa che “l’esonero di cui al presente comma non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente”. Da ciò sembrerebbe dedursi che, ad esempio, seppur contenute in una normativa speciale, le agevolazioni previste per l’assunzione di disabili con forte handicap, individuate dall’art. 13 della legge n. 68/1999, non saranno cumulabili: ovviamente, se sarà così (ma occorrerà un chiaro pronunciamento amministrativo), i datori di lavoro sceglieranno quella maggiormente conveniente.

Ma come fa un datore di lavoro ad esser sicuro che nei sei mesi antecedenti un lavoratore non abbia avuto alcun rapporto a tempo indeterminato, atteso che, dopo l’abolizione del libretto di lavoro, avvenuta con il D.L.vo n. 297/2002, non c’è alcun documento immediatamente consultabile?

La risposta è che il prestatore può ben rilasciare una dichiarazione ex DPR n. 445/2000 con la quale, sotto propria responsabilità, dichiara non esservi condizioni ostative all’assunzione. Tale dichiarazione, indubbiamente, cautela il datore di lavoro, nel senso che, a fronte di una eventuale rivendicazione “ex post” da parte dell’Istituto previdenziale, potrebbe sempre richiedere, civilisticamente, il risarcimento all’interessato. A mio avviso, al di là di quanto appena detto, è opportuno che il datore acquisisca, all’atto dell’assunzione, un attestato del centro per l’impiego, rilasciato al lavoratore, che dimostri lo “status” di assenza di rapporti a tempo indeterminato nei sei mesi antecedenti.

L’agevolazione prevista nella legge n. 190/2014 è un nuovo incentivo che, al momento, non si sostituisce a quelli già presenti in altre norme. Infatti, per le assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, finchè rimarrà la norma (31 dicembre 2016), il datore di lavoro potrà, liberamente, decidere (nel nuovo contratto a “tutela crescente”) se avvalersi del beneficio specifico previsto dalla legge n. 223/1991 (diciotto mesi di contribuzione pari al 10% oltre al 50% dell’indennità di mobilità non ancora percepita dall’interessato) o vedersi riconoscere l’agevolazione di 8.060 euro all’anno per tre anni. Un discorso del tutto analogo va fatto anche per le altre assunzioni incentivate: mi riferisco, ad esempio, agli ”over 50” disoccupati da oltre dodici mesi, alle donne senza lavoro stabile da almeno sei mesi, in alcune zone del Mezzogiorno, o da ventiquattro su tutto il territorio nazionale che sono portatori di benefici contributivi specifici (riduzione contributiva del 50% per diciotto mesi) o, infine, almeno fino al 30 giugno 2015, per i giovani destinatari delle disposizioni contenute nell’art. 1 del D.L. n.76/2013.

Ci sono, a questo punto, due situazioni particolari rispetto alle quali, in attesa dei chiarimenti amministrativi del Ministero del Lavoro, mi sento spinto a fornire alcune delucidazioni: mi riferisco, “in primis”, alle assunzioni da parte dell’impresa aggiudicataria di un appalto del personale già in forza a tempo indeterminato presso l’impresa cedente. E’ una “nuova assunzione” foriera di incentivi o no?

La risposta è negativa in quanto i lavoratori assunti hanno avuto nei sei mesi precedenti, un rapporto di lavoro subordinato con un altro datore di lavoro (impresa cedente). A ciò, per quel che può valere, ricordo che l’art. 7 del Decreto Legislativo attuativo della delega sul contratto a tutele crescenti, afferma che ai fin i del calcolo dell’anzianità di servizio si tiene conto di tutto il periodo durante il quale i lavoratori sono stati impiegati nell’attività appaltata (in sostanza, ai fini risarcitori il rapporto di lavoro è considerato, tra vecchio e nuovo datore, come un “unicum”). Tutto questo potrebbe causare alcune resistenze da parte del nuovo datore ad assorbire personale già in forza a tempo indeterminato sull’appalto, soprattutto, laddove il CCNL non pone obblighi (ad esempio, quello delle imprese di pulizia del settore artigiano, parla di incontro tra le due aziende finalizzato a risolvere i problemi occupazionali).

La seconda questione concerne  il trasferimento di azienda, qualunque sia l’operazione compiuta (trasferimento totale, trasferimento di ramo di azienda, fusione, usufrutto o affitto di azienda): il rapporto, afferma l’art. 2112 c.c. continua con il cessionario ed i lavoratori conservano tutti i diritti che ne derivano. Anche qui, pur volendo parlare di nuova assunzione perché cambia la titolarità del datore, l’incentivo non può esser riconosciuto, in quanto nei sei mesi precedenti i lavoratori avevano in essere un contratto di lavoro a tempo indeterminato. E la stessa cosa può affermarsi nel caso in cui l’impresa cessionaria non abbia assunto tutti i lavoratori in forza: quelli che sono “rimasti fuori” hanno un diritto di precedenza /art. 47, comma 6, della legge n. 428/1990) nelle assunzioni effettuate dalla stessa entro un anno dalla data del trasferimento, o entro il periodo maggiore previsto dagli accordi collettivi. Pur se le assunzioni di questi lavoratori che sono in trattamento ASpI (o NASpI secondo la nuova denominazione) o in mobilità avvengono dopo sei mesi, l’incentivo non spetta perché l’art. 12, lettera a), della legge n. 92/2012 afferma che gli incentivi non spettano se l’assunzione costituisce attuazione di un obbligo preesistente, stabilito da norme di legge o di contratto collettivo.

La disposizione parla, sempre di “esonero” a differenza del testo originario ove gli 8.060 euro venivano catalogati come “sgravio contributivo”. I termini, non sono sinonimi ed aver, alla fine, optato per il concetto di esonero contributivo, sia pure temporale, fa sì che, ai fini del godimento della agevolazione, ci si possa limitare, quale condizione per la fruizione, al rispetto della regolarità contributiva, delle norme in materia di sicurezza, dei trattamenti economici e normativi previsti dalla contrattazione collettiva anche di secondo livello, se esistente (requisiti richiesti dall’art. 1, commi 1175 e 1176 della legge n. 296/2006), ed al rispetto dei diritti di precedenza come stabilito dall’art. 4, commi 12 e seguenti, della legge n. 92/2012. Parlare, invece, di “sgravio contributivo” come si affermava nel disegno di legge, significava, a mio avviso, richiamare anche le disposizioni comunitarie tra cui:

a)      Incremento netto dell’occupazione, rispetto alla media della forza lavoro occupata nell’anno precedente, secondo il c.d. “metodo ULA”, con la non computabilità, tra gli altri, di coloro che si sono dimessi o sono stati licenziati per giusta causa o hanno trasformato il proprio rapporto da tempo pieno a tempo parziale. Il tutto, riferito all’azienda nel suo complesso e non alla singola unità produttiva ove viene inserito il lavoratore assunto;

b)      Rispetto delle condizioni generali di compatibilità con il mercato interno, previste dai Regolamenti comunitari.

Si tratta di condizioni che sono state, in gran parte, alla base del “flop” realizzatosi con le agevolazioni ex art. 1 del D.L. n. 76/2013 e che sono state, ampiamente, criticate dall’attuale Ministro del Lavoro ma che, peraltro, in una sorta di “copia ed incolla”, l’Esecutivo ha ripetuto nel D.L. n. 91/2014, convertito nella legge n. 116/2014 che, all’art. 5, intende favorire l’occupazione, anche a tempo determinato, degli “under 35” in agricoltura.

Vai a pagina 2 »»

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Eufranio Massi

A cura di : Eufranio Massi

E' stato per 40 anni dipendente del Ministero del Lavoro. Ha diretto, in qualità di Dirigente, le strutture di Parma, Latina, i Servizi Ispettivi centrali, Modena, Verona, Padova e Piacenza. Collabora, da sempre, con riviste specializzate e siti web sul tema lavoro tra cui Generazione vincente blog.

Articoli scelti per voi dalla redazione

12 thoughts on “8.060 euro l’anno per tre anni: modalità operative per le nuove assunzioni

  1. patrizia

    quesito: essendo stata licenziata il 22 ottobre ultimo scorso da altro datore di lavoro (con contratto a tempo indeterminato) per motivi economici, posso essere assunta da un altro datore di lavoro con contratto a tutele crescenti e con gli incentivi contributivi da parte dello stesso? non mi è chiaro il problema dei 3 mesi….

  2. marcello

    A mio avviso i centri per l’impiego non possono rilasciare un attestato che dimostri lo status di assenza di rapporti a tempo indeterminato nei sei mesi precedenti.
    Questo perchè i C.P.I. visualizzano le comunicazioni obbligatorie dei rapporti di lavoro che riportano il luogo di lavoro o il domicilio corrispondente al centro per l’impiego.
    Facciamo un esempio:
    se un lavoratore iscritto al centro impiego di Roma andasse a lavorare a Venezia e dichiarasse il domicilio a Venezia, il C.P.I.
    di Roma non visualizzerebbe tale rapporto di lavoro.
    Per avere situazione attendibile ai fini dell’esonero contributivo legge 190 si dovrebbe richiedere tale atto a tutti i C.P.I d’Italia.
    Cordiali saluti

    • Leonardo

      Giusto Marcello, forse è l’occasione giusta per pensare di utilizzare un solo nodo informatico condiviso, invece della costellazione di sistemi operativi attualmente in uso “a mazzetta” regione per regione.

  3. Luigi Rodella

    Innanzi tutto molti complimenti per l’articolo, sempre indispensabile per tutti noi.
    In merito alle assunzioni a t.i. per le quali si avrebbe diritto allo sgravio in questione, però fatte in base alla legge 398/1987 dove il lavoratore viene distaccato in paese exatraue non convenzionato, ed a ristoro della duplice contribuzione, beneficia di uno sgravio contributivo del 10%, sarebbe interessante conoscere se il datore ha diritto allo sgravio di 8060 euro per la nuova assunzione. (Io riterrei di si, in quanto lo sgravio Inps è dato a fronte di un duplice assoggettamento). Sicuramente in ambito UE credo non debbano esserci problemi.
    Luigi Rodella

  4. stefano conti

    Confermo che i centri per l’impiego non possono rilasciare un attestato che dimostri con certezza lo status di assenza di rapporti a tempo indeterminato nei sei mesi precedenti, perchè, come riportato nel commento precedente, i C.P.I. visualizzano le comunicazioni obbligatorie dei rapporti di lavoro che riportano il luogo di lavoro o il domicilio corrispondente al centro per l’impiego. E’ corretto l’esempio riportato: se un lavoratore iscritto al centro impiego di Roma andasse a lavorare a Venezia e dichiarasse il domicilio a Venezia, il C.P.I.
    di Roma non visualizzerebbe tale rapporto di lavoro.

    Cordiali saluti, Stefano Conti, operatore CPI

  5. Simona Gozzoli

    Quesito Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato Legge di Stabilità 2015: viene precisato che l’esonero contributivo non spetta relativamente ai lavoratori che nei 6 mesi precedenti alla data di assunzione siano risultati occupati a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro. Il contratto di apprendistato anche in questo caso è da ritenersi quale rapporto di lavoro a tempo indeterminato?

  6. CRISTIANO

    Da premettere che ho 44 anni (escluso da tutti i benefici per le assunzioni). Le chiedo cortesemente, ho perso il lavoro circa un anno fa, perché l’azienda in cui lavoravo è fallita e mi hanno licenziato, posso essere eventualmente assunto con questo nuovo tipo di contratto a tutele crescenti? in poche parole chi mi assume avrebbe diritto agli sgravi per tre anni oppure no? grazie, Cristiano.

  7. SILVIA

    Buongiorno. L’azienda ha i medesimi sgravi contributivi sia se assume un uomo che se assume una donna? Sono una ragazza di 22 anni, l’azienda per cui ho svolto delle prestazioni occasionali nei mesi scorsi vorrebbe assumermi. Se dovesse assumermi a tempo indeterminato potrebbe usufruire di questi sgravi contributivi al 100%? O c’è differenza perché sono una donna? Grazie in anticipo!

  8. maris

    Questo è di informare il pubblico che Maris, i prestatori di prestito personale in opportunità finanziaria per chi ha bisogno di assistenza finanziaria. Forniamo un prestiti a tasso di interesse del 2% per gli individui, le aziende e le società sottoposte a condizioni chiare e di facile comprensione. contattateci oggi via e-mail all’indirizzo: Marisjessica@outlook.com

    DATI mutuatario

    1) Nome completo:
    2) Stato:
    3) Titolo:
    4) Paese:
    5) Sesso:
    6) Stato civile:
    7) Lavoro:
    8) Telefono:
    9) Questa posizione volta sul posto di lavoro:
    10) Reddito mensile:
    11) Prestito importo necessario:
    12) La durata del prestito:
    13) Prestito Scopo:
    (14) Applicare il prestito precedente

  9. andrea

    Se un’agenzia per il lavoro temporaneo assume un lavoratore a tempo indeterminato, in funzione del suo invio in missione presso aziende utilizzatrici nel contesto di un contratto di somministrazione di lavoro, nel sistema delle tutele crescenti può poi l’agenzia per il lavoro temporaneo applicare l’art 25 CCNL APL ovvero mettere in disponibilità il lavoratore e quindi qualora le attività di riqualificazione definite nell’accordo non abbiano portato alla ricollocazione, e permanendo la mancanza di occasioni di lavoro, al termine della procedura procedere al recesso dai rapporti di lavoro per giustificato motivo oggettivo, comunicando il licenziamento individuale o plurimo?

    Quindi con JA ipotizzando la soluzione conciliativa standard l’indennizzo dopo 10 anni di somministrazione è di 10 mensilità.
    Con il corretto ricorso all’art’25 ccnl APL non ci sarebbe alcun indennizzo ma il solo compenso pari a 850 euro per i 6 mesi di aspettativa

    Quindi gli interinali stabilizzati potrebbero ricadere in questa fattispecie per cui non vedersi applicato l’indennizzo da JA?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)