Breaking News

  Garante privacy: Lavoro – geolocalizzazione flotte aziendali, sì con accordo sindacale ++               Abrogato definitivamente il lavoro accessorio e modificata la responsabilità solidale negli appalti [PARLAMENTO] ++               Fondo di garanzia: 200 milioni per il Mezzogiorno [MISE] ++               [podcast] Puntata 5 | Il primo lavoro – L’italia che va presenta: generazione vincente ++               Rassegna stampa del 27 Aprile 2017 ++               In caso di licenziamento per soppressione del posto di lavoro di un ragazzo ex apprendista assunto il 1° marzo 2014, devo obbligatoriamente espletare il tentativo di conciliazione previsto dalla Fornero? ++               Se una mia dipendente richiede all’inps i voucher per l’acquisto di servizi di baby-sitting, devo concedere il congedo parentale? ++               Devo siglare un contratto di appalto con una cooperativa, posso richiedere all’appaltatore il controllo sulla regolarità dei suoi dipendenti che accedono nella mia azienda? ++               Per il lavoratore invalido superamento del periodo di comporto [Cassazione] ++               Un dipendente della nostra azienda ha presentato le dimissioni, ha un bimbo di età inferiore ai 3 anni, mi riferisce che la Direzione del Lavoro gli ha dato istruzioni di presentarsi … ++               Credito di imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno [Agenzia Entrate] ++               CIV DELL’INPS: Cosa occorre cambiare nell’iter per la cassa integrazione ordinaria [E. Massi] ++            

Illegittimo il licenziamento per rifiuto al trasferimento dopo la maternità | Cassazione

licenziamento maternitàCon la sentenza n. 3052/2017, la Corte di Cassazione ha dichiarato l’illegittimità di un licenziamento per mancata disponibilità al trasferimento, intimato ad una lavoratrice da poco rientrata da periodo di assenza da lavoro per maternità.

A stabilirlo è la Corte di Cassazione che ha espresso questo principio con la sentenza 3052/2017, sottolineando l’illegittimità del trasferimento di sede disposto nei confronti della lavoratrice al rientro dalla maternità, se il posto di lavoro ricoperto prima dell’ astensione obbligatoria era ancora disponibile, sia pure con nuove caratteristiche per effetto di una intervenuta riorganizzazione aziendale. Il caso sottoposto alla Suprema corte è relativo alla responsabile del punto vendita di Firenze di una società attiva nel settore retail, la quale, al rientro in servizio dopo un periodo di assenza per maternità seguito dall’obbligo di smaltire le ferie arretrate, è stata trasferita a Milano. Posta di fronte al rifiuto della dipendente, la società ne ha disposto il licenziamento.

La Cassazione, ricollegandosi alle valutazioni espresse dalla Corte territoriale, ha ritenuto che il comportamento complessivo della società fosse preordinato alla espulsione della dipendente e non, invece, motivato da un corretto esercizio del potere di trasferimento. Pur a fronte dell’invocata riorganizzazione, osserva la Suprema corte, la posizione ricoperta dalla dipendente doveva essere a lei riassegnata al rientro dalla maternità considerate le sue competenze professionali non di certo inferiori a quelle del lavoratore chiamato a sostituirla durante il periodo di assenza dal posto di lavoro.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Redazione web

A cura di : Redazione web

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Articoli scelti per voi dalla redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)