A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?

news-06

Non esiste una norma che definisce il “danno” per l’azienda in caso di recesso anticipato ed unilaterale del lavoratore di un rapporto di lavoro a termine.
Teoricamente dovrebbe essere il medesimo che subirebbe il lavoratore in caso di licenziamento anticipato: le restanti retribuzioni del periodo non lavorato.
La prassi seguita per i lavoratori, in qualità di soggetti più deboli, è quella di trattenere dal compenso ancora dovuto al lavoratore un importo pari al preavviso che egli avrebbe dovuto prestare se il rapporto fosse stato a tempo indeterminato.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Redazione web

A cura di : Redazione web

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Articoli scelti per voi dalla redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)