Disparità uomo-donna: ecco i dati del Min.Lavoro

disparità uomo-donnaIl Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, insieme al Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha emanato il Decreto interministeriale del 27 ottobre 2016 con il quale vengono individuati, in previsione del 2017, i settori e le professioni caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera almeno del 25% il valore medio annuo del 2015.

L’ individuazione di tali settori è utile per l’applicazione degli incentivi assunzionali di cui alla Legge Fornero (art. 4, commi 8-11, L. n. 92/2012) e, nell’ambito del lavoro tramite agenzia, per l’esenzione dei limiti percentuali eventualmente stabiliti dai contratti collettivi per la somministrazione a tempo determinato.

Infatti il lavoratore appartenente al genere sottorappresentato, nei settori individuati dal Decreto Interministeriale, rientra di diritto nella categoria dei lavoratori svantaggiati (Reg. UE n. 651/2014, art. 2, n. 4, lett. f) per i quali l’art. 31, comma 2, D. Lgs. n. 81/2015 consente di prescindere dagli eventuali limiti di contingentamento previsti dai CCNL in caso di contratto di somministrazione di lavoro a termine.

Leggi il Decreto

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail

Articoli scelti per voi dalla redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)