Caporalato, gli sfruttati sono 430 mila

Aumento di trentamila unità in 12 mesi. In agricoltura il boom dei voucher maschera il lavoro nero In un anno l’uso dei ticket è cresciuto del 67%.

caporalatoDoveva fare emergere il sommerso, è servito al contrario. Voucher e caporalato: il primo doveva essere lo strumento principe per l’emersione del lavoro nero, il secondo un retaggio del passato. Non è andata così e i numeri lo dimostrano.
Si stima che nel 2015 le vittime del caporalato siano state 430 mila, 30 mila in più rispetto a un anno prima, per l’80 per cento stranieri, oltre 100 mila in grave disagio ambientale e abitativo. E di «ticket.-, in questi anni, se ne sono venduti una quantità che poco ha a che fare con l’idea di remunerazione di lavoro occasionale per il quale erano stati creati. Fra il 2014 e il 2015 l’utilizzo del voucher è aumentato del 67,5 per cento; una ricerca lnps-Veneto lavoro ha appena reso no- to che dal 2008 ad oggi due milioni e mezzo di italiani sono stati pagati con il «buono», passando dai 25 mila «voucheristi» di otto anni fa al milione 380 mila dello scorso anno. Più che di lavoro occasionale si tratta di norma, tanto che il buono – studiato soprattutto per dare legalità alla raccolta stagionale nei campi – è utilizzato solo in minima parte dagli imprenditori del settore: 16 mila contro i 250 mila dell’industria e del terziario.
In agricoltura il voucher, di fatto, è servito per dare una parvenza di regolarità ad aziende che utilizzano il nero per la maggior parte dei rapporti di lavoro e il suo ingresso sul mercato nulla è valso contro la piaga del caporalato, che in questi anni, si è allargata. «C’è un abuso acclarato in tutti i settori – afferma Luigi Sbarra della Fai-Cisl – e la tracciabilità annunciata dal ministro Poletti non è risolutiva. II voucher è un ‘caporale di carta” che colpisce le tutele, nega Tfr, assistenza, malattia e ammortizzatori sociali».
Un “caporale di carta’ che non ha indebolito quelli in carne ed ossa. Anche qui le cifre parlano chiaro. Le stime di Cisl e Cgil concordano nel segnalare un fenomeno in crescita. Il terzo rapporto «Agromafie e caporalato» realizzato dall’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai-Cgil dimostra che ci sono 80 distretti agricoli nei quali, pur se con diversa intensità, si registrano casi di grave sfruttamento e caporalato.
Senza distinzioni fra Nord e Sud: si pratica nella raccolta di pomodori al Sud, come nei vigneti del Chianti e del Pro-secco. Un business che tra infiltrazione della criminalità e sfruttamento smuove tra i 14 e 17,5 miliardi di euro. E che costa allo Stato 600 milioni l’anno di evasione contributiva.
C’è una proposta del governo che prevede – fra altro – la confisca dei beni obbligatoria, il reato di intermediazione illecita e sfruttamento, la punibilità del caporale e dell’azienda consapevole, il risarcimento per le vittime. I sindacati dicono che si poteva fare meglio, ma che soprattutto si deve fare. La legge è ferma al Senato e la campagna di raccolta sta per cominciare.

Fonte: La Repubblica del 17 Maggio 2016 – pag. 26

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Redazione web

A cura di : Redazione web

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Articoli scelti per voi dalla redazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)